NEBRODI E DINTORNI

NEBRODI E DINTORNI
Dicendo no alla carne il lunedì miglioriamo la nostra salute e quella del Pianeta

'AFFARI TUOI' (RAIUNO): "UNA POSSIBILE TRUFFA IN DANNO DELLA RAI”

Roma, 8 gennaio – "Il video che abbiamo diffuso sul nostro sito non lascia spazio a dubbi sulle anomalie da noi denunciate alla Procura della Repubblica". E' quanto dichiara Massimiliano Dona, Segretario generale dell'Unione Nazionale Consumatori, annunciando la pubblicazione sul sito www.consumatori.it
di un video ripreso durante la fase di preparazione dello studio televisivo, a telecamere spente.

"Nel video si nota che al momento dell'arrivo dei pacchi i concorrenti si trovano già nello studio ed hanno la possibilità di osservare l'ordine di ingresso dei pacchi", prosegue Dona. "Proprio questa dinamica consente ad alcuni concorrenti di capire come trovare i premi più ricchi e come conservarli fino alla fine".

"Auspichiamo - conclude Dona - che la Procura chiarisca rapidamente se le anomalie da noi evidenziate hanno una rilevanza penale, trattandosi di una situazione che ha consentito di frodare svariati milioni di euro, mettendo in atto una possibile truffa in danno della RAI”.

Roma, il 8 gennaio 2010

Il video

3 commenti:

  • Giovanni says:
    11 gennaio 2010 10:02

    Osservatorio Antiplagio, comitato di vigilanza sulla tv e sui media, contesta la puntata di "Striscia la notizia" del 7/1/10, in cui l'inviato Jimmy Ghione e l'avvocato Massimiliano Dona, dell'Unione Nazionale Consumatori, dicono di svelare il trucco delle vincite rilevanti nella trasmissione di Rai 1 "Affari tuoi". Andando ad esaminare attentamente lo "specchio segreto" girato dall'avvocato, non è assolutamente dimostrato che i concorrenti siano a conoscenza del contenuto dei pacchi più ricchi. Infatti se è vero che, alla presenza dei concorrenti, le scatole vengono portate in studio a pile di 5, nell'ordine del valore, per poi essere consegnate agli stessi concorrenti, è anche vero che sono chiuse, per cui è impossibile che le persone presenti in studio possano conoscerne l'importo. Questo piccolo particolare, che tanto piccolo non è, non doveva essere omesso. E invece Antonio Ricci e soci hanno evitato di sottolinearlo, smentendo la loro imparzialità. Quando Ezio Greggio ha definito il filmato dell'avvocato Dona "documento che non lascia spazio a nessun dubbio" ha fatto un autogol, o meglio è stato colpito da "lapsus ignorantiae", ovvero è stato costretto a dire la verità: due negazioni affermano, come quando "Striscia la notizia" sostiene di non guardare in faccia nessuno, un vero pacco.
    Ufficio stampa Antiplagio
    www.antiplagio.org

  • Anonimo says:
    11 gennaio 2010 13:12

    Per Giovanni

    Quando scrive:
    ...le scatole vengono portate in studio a pile di 5 nell'ordine del valore, per poi essere consegnate agli stessi concorrenti....

    Cosa significa: "nell'ordine del valore"?
    Da quello che capisco io, vuol dire che vengono portate prima quelle da 500.000 per poi arrivare a quelle minori (o viceversa), di conseguenza i concorrenti, a prescindere dal fatto che sono scatole chiuse, sanno benissimo che pacco hanno di fronte.

    E comunque Affari tuoi ha violato anche altri regolamenti tipo quello sulla Tutela degli Animali del Comune di Roma (in vigore dal 2005), che regolamenta l'utilizzo degli animali negli spettacoli nei seguenti articoli:

    Titolo III "Disposizioni generali", Art. 15 ("Divieto di offrire animali in premio, vincita, oppure omaggio"), comma 1:
    "E’ fatto assoluto divieto su tutto il territorio comunale di offrire direttamente o indirettamente, con qualsiasi mezzo, animali, sia cuccioli che adulti, in premio o vincita di giochi oppure in omaggio a qualsiasi titolo nelle mostre, nelle manifestazioni itineranti, nelle sagre, nei luna park, nelle lotterie, nelle fiere, nei mercati, in qualsiasi tipo di gioco o pubblico intrattenimento. E’ altresì vietata la cessione a qualsiasi titolo di animali in luoghi pubblici e cani non iscritti all’anagrafe canina."

    Titolo III "Disposizioni generali", Art. 16 (Divieti e regolamentazione di spettacoli e intrattenimenti con l’utilizzo di animali), comma 1:
    "Nelle more dell’approvazione di legge regionale, è vietata su tutto il territorio qualsiasi forma di spettacolo o di intrattenimento pubblico o privato effettuato con o senza scopo di lucro che contempli, in maniera totale o parziale, l’utilizzo di animali, sia appartenenti a specie domestiche che selvatiche. Il divieto di cui sopra si applica a fiere, mostre di animali, esposizioni, concorsi, sagre, manifestazioni itineranti, spettacoli in strada ad eccezione di quelle senza fine di lucro autorizzate previo parere dell’Ufficio competente per la tutela degli animali. Non si applica alle gare ippiche svolte in luoghi autorizzati, purché non ledano la dignità degli animali in esse impiegati."

    Titolo III "Disposizioni generali", Art. 16 (Divieti e regolamentazione di spettacoli e intrattenimenti con l’utilizzo di animali), comma 6:
    "L’utilizzo di animali per riprese di cinema, tv, pubblicità, deve essere preventivamente comunicato, specificando modalità, condizioni di impiego e provenienza degli animali, all’Ufficio comunale competente per la tutela degli animali che potrà stabilire di volta in volta in maniera specifica le modalità di tutela dei soggetti che si intendono impiegare fra le quali la presenza sul luogo delle riprese di un proprio delegato al controllo."

    La trasmissione dovrebbe chiudere...ora ha toccato proprio il fondo!!!!!

  • Anonimo says:
    11 gennaio 2010 13:16

    ...nella puntata di qualche giorno fa c'era, ad esempio, un cucciolo di Jack Russel che è stato anche mostrato in trasmissione.....il premio era il "pacco cucciolo"!
    Violazione vera e propria del regolamento sulla Tutela degli Animali

Posta un commento

Nebrodi e Dintorni © Il Parco dei Nebrodi, testata giornalistica registrata al tribunale il 12/3/1992. La redazione si riserva il diritto di rivedere o bloccare completamente i commenti sul blog. I commenti pubblicati non riflettono le opinioni della testata ma solo le opinioni di chi ha scritto il commento.

Nebrodi e Dintorni