SCUOLAFILMFEST: A MESSINA GLI STUDENTI DIVENTANO REGISTI

Il concorso per la realizzazione di spot cinematografici di pubblicità progresso, rivolto agli istituti di primo e secondo grado di Città e provincia

MESSINA, 29/02/2012 - Da studenti a registi, attori e sceneggiatori, per lanciare un messaggio educativo attraverso uno degli strumenti più efficaci e amati dai giovani: il cinema. Parte la II edizione del concorso “Ciak ScuolaFilmFest”, promosso da Lab Cinecittà Sicilia & Ass. e rivolto agli istituti di primo e secondo grado di Messina e provincia. Alla conferenza stampa di presentazione, venerdì 2 marzo ore 10.30 nel Salone degli Specchi di Palazzo dei Leoni, prenderanno parte l'assessore provinciale alla Pubblica Istruzione Pippo Di Bartolo, il presidente regionale Agiscuola Egidio Bernava, il delegato didattico regionale Agiscuola Gustavo Ricevuto, il dirigente dell'Ufficio scolastico provinciale di Messina Emilio Grasso, il presidente di Lab Cinecittà Sicilia Francesco Salvo e il direttore artistico Sergio Bonomo.

Bullismo, sicurezza stradale, droga, alcol, legalità, donazione organi, diversamente abili, ma anche identità siciliana e integrazione culturale e le più attuali energia e ambiente sono alcuni dei temi, sui cui si misureranno centinaia di allievi impegnati nella realizzazione di spot cinematografici di pubblicità progresso. Creare uno spazio d’incontro in cui i giovani siano protagonisti di una sfida creativa con l'obiettivo di riflettere sulla tematica sociale scelta ed esprimere un'idea comune da tramutare in un breve video, rivolto anche a un pubblico adulto. Un percorso dinamico, ma soprattutto una sfida creativa e divertente, tale da stimolare i partecipanti a conoscere le tecniche cinematografiche, confrontarsi e dialogare in un laboratorio fatto di autori, truccatori, operatori di ripresa, montatori, al fine di aggiudicarsi un “piccolo Oscar”.

Infatti i lavori considerati più belli da una commissione giudicatrice di esperti, avranno le “nomination” e durante la serata finale – cerimonia di premiazione, si scopriranno i vincitori nelle varie categorie: miglior film, sceneggiatura, regia, attore, attrice, trucco, storyboard, gruppo di lavoro, idea-soggetto, colonna sonora inedita e altri riconoscimenti distinti per area tematica e tipo di istituto.

Il progetto è realizzato in collaborazione con MIUR, Ufficio Scolastico XIV Ambito Territoriale di Messina e prov., DINO produzioni cinematografiche, Cine Forum Don Orione, associazione Arknoha, Agiscuola, Agi, AIFVS (associazione italiana familiari e vittime della strada), LILT (lega italiana lotta contro i tumori), AIDO (associazione italiana donazione organi), col patrocinio di Regione Siciliana, Provincia Regionale di Messina, Comune di Messina e FAI (Fondo per l’ambiente Italiano). Per info: www.scuolafilmfest.it.
.............
Palermo, 29 feb. 2012 - Si terra' domani sera, alle 20.30, al cinema Concordia di Agrigento, la prima del documentario "Il Santo Nero", realizzato dalla Demetra produzioni con la collaborazione di Sicilia Film Commission e dell'assessorato regionale del Turismo.

Il "Santo Nero", che e' stato diretto dal regista Antonio Bellia, e' stato prodotto accedendo al fondo regionale per il cinema e l'audiovisivo per l'anno 2008.

Il film e' stato realizzato tra Agrigento, Porto Empeocle e Lampedusa nel periodo, da aprile a luglio del 2011, in cui migliaia di extracomunitari arrivavano sulle coste dell'agrigentino determinando l'emergenza immigrazione. Nello stesso periodo fervevano i preparativi per la festa pagano-religiosa in onore di San Calogero.

Il documentario racconta la vita quotidiana di una giovane coppia di rifugiati politici congolesi trapiantati ad Agrigento, lui da 5 anni e lei da appena tre mesi. Sullo sfondo, attraverso la voce di Alfonso, un pescatore di Porto Empedocle, la venerazione di San Calogero, il Santo Nero arrivato dall'Africa e venerato dagli agrigentini.

Il documentario e' stato girato in Sicilia, anche con la cooproduzione della Giano produzioni di David Riondino, con una troupe, composta quasi interamente da siciliani.

Commenti