Poste e Asl, tempi di attesa: 34,7% nel Nord-est, 68,4 in Sicilia, e l'affluenza è minore

Istat, 2023. Servizi: in calo la soddisfazione per gli orari di apertura.  Nel 2023 la quota di utenti di 18 anni e più che si reca alla ASL, all’Anagrafe e alla Posta ha subito una progressiva contrazione negli ultimi 20 anni (rispettivamente Asl -16%, Anagrafe -28% e Posta -14%). La frequentazione della ASL o della Posta aumenta al crescere dell’età degli utenti, mentre ai servizi anagrafici ricorrono più gli individui di 35-44 anni. Permane una forte differenziazione nei livelli di accessibilità ai servizi. Le famiglie residenti nel Mezzogiorno mostrano maggiori difficoltà rispetto al resto del Paese. 49,8%. 23/02/2024 - La quota di maggiorenni che si reca alla Asl (33,8% all’Anagrafe, 57,9% alla Posta) Intense le disparità territoriali nell’accesso ai servizi e nei tempi di attesa.  Nel 2023 poco meno del 40% delle persone di 18 anni e più si è recato presso una ASL. L’indicatore raggiunge valori più elevati nel Centro e nel Nord-est (intorno al 44%), il minimo nell

La Leggenda di Andrea Anfossi: da Castellaro Ligure a Lampedusa, dall’Egitto alla Tunisia

Una cantata in stile cantastorie che racconta di come un'immagine sacra rappresentante la Madonna, il Bambino e Santa Caterina d’Alessandria sia finita da Lampedusa a Castellaro Ligure (Imperia). Naufraghi, corsari, eremiti, schiavi e madonne sono le figure che popolano questa storia meravigliosa che ha il suo cardine nel luogo più importante di Lampedusa il Santuario della Madonna di Porto Salvo.

Lampedusa, 8 sett 2020 - Se la cantata inizia con la tipica atmosfera dei cantastorie “voce e chitarra” che ha visto in Sicilia grandi esponenti Orazio Strano,Turi Bella e Ciccio Busacca, mano a mano che il viaggio si anima e attraversa i luoghi in cui si snoda la storia: da Castellaro Ligure a Lampedusa, dall’Egitto alla Tunisia, anche la musica e gli arrangiamenti si distaccano dalla forma monotona del cantastorie e si arricchiscono con una miriade di suoni grazie al contributo dei musicisti: Jacopo Andreini (bouzouki, percussioni, sax), Marzouk Mejri (percussioni), Peppe Frana ('ud, tar-hu, percussioni), Antonio Putzu (sciaramedda, clarinetto), Giacomo Sferlazzo (voce, chitarra e marranzano) e la partecipazione speciale di Daniele Sepe (flauto traverso) e Charles Ferris (tromba e trombone).

Sferlazzo ha anche realizzato il cartellone dipinto, elemento indispensabile per i cantastorie.
La stesura del testo in ottave di endecasillabi e la realizzazione della tela sono state possibili grazie al supporto del Forum Lampedusa Solidale.
La Leggenda di Andrea Anfossi fa parte dell'album MARINEMENZU che uscirà in versione fisica entro ottobre 2020. La realizzazione dell’album è stata possibile grazie ad una raccolta fondi sul sito Produzioni dal basso a cui hanno contribuito:

Alizee Dauchy, Benat Iarasuegi, Giulia Di Martino, Sabrina Covis, Elena Ferrari, Marco Boriglione, Carlotta Borghetti, Cecilia Cagnola, Lucio Bellomo, Donatella “Lella” Moltani Onlus, Selma Dundar, Elisabetta Sciotto, Marino Facello. Emanuele Manciavillano, APS Pupi di Surfaro, Anna Maria Sambuci, Ersilia Ferrante, Carmen Consiglio, Marina Giacone, Yadira Man Torrente, Luca Sam Martino, Matteo Palmisio, Anna Maria Tonnicchi, Noemi Del Vecchio, Pina Elmo, Daniel Scherf, Barbara Muller, Laura Carnemolla, Paolo Rava, Maria Cristina Zurlo, Gero Viccica, Marco Di Dia, Sergio di Vito, Stefano Giaccone, Salvatore La Tona, Malusa Kosgran, Marianna Maggiore, Gabriele Ciapparella, Philippe Wittwer, Valentina Palmeri, Francesco Riotta, Giovanni Giardina, Giorgio Lizzano, Rossella Licciardi, Rosa Monicelli, Elana Ochse, Giandomenico Pumilia, Circo Pace Bene – Associazione di promozione sociale, Lorenzo Sibiriu, Marta Daneluzzi, Francesca Gianfranchi, Simona Bonomo, Angelo Davì, Fabrizio Basano, Michelangelo Severgnini, Francesco Capasso, Annalisa Lendaro, Renato Russo, Michele Piccolrovazzi, Giovanni Di Caro, Cinzia Sferlazzo, Maria Leduisi, Ivana Abrignani, Davide Esposito, Cecilia Guerci, Lorenzo Alunni, Silvio Natoli, Chiara Locardi, Roberto Ranucci, Vita Russo, Anna Sacchetto, Albero Aurelio, Nino Taranto, Matteo Mangiacavallo, la Cascina.

Commenti