LA CASA DI TOTI: IL SOGNO DIVENTA PROGETTO PER RAGAZZI “SPECIALI”,

LA CASA DI TOTI: IL SOGNO DIVENTA PROGETTO, IL PROGETTO DIVENTA OPERA. PER L’ALBERGO ETICO PER RAGAZZI “SPECIALI”, SABATO 26 NOVEMBRE A MODICA LA POSA DELLA PRIMA PIETRA
22/11/2016 - Muni Sigona: “Grazie a 23 imprenditori realizziamo un’impresa nel sociale,
in attesa che la Sicilia recepisca la legge sul Dopo di noi”
La prima pietra è come il primo pezzo di un puzzle, un pezzo rosso perché è acceso dall’energia,
dalla passione, dalla lungimiranza e dalla determinazione di un ragazzo, di sua madre, della sua
famiglia, di quelle che si riconoscono in loro, del collettivo di imprenditori che li stanno
sostenendo, grazie a un bellissimo “contagio” attivo e generoso.
Questo è lo spirito con cui verrà posta la prima pietra de “La Casa di Toti”, l’albergo etico che
Muni Sigona vuole realizzare attraverso la trasformazione di una villa settecentesca in contrada
San Filippo a Modica, per dare dignità e futuro a suo figlio Toti e a tutti i ragazzi “speciali” come
lui: “Vogliamo realizzare – spiega Muni Sigona - una comunità residenziale per disabili dove
faremo conciliare impresa sociale e occupazione, ribaltando il concetto di assistenza al disabile,
che da fruitore del servizio ne diviene, assistito da tutor specializzati, il gestore”.
L’appuntamento è per sabato 26 novembre, a partire dalle 11.30, con la grande festa che segna la
trasformazione di questo sogno prima in progetto e poi, finalmente, in opera.

Grazie a quel “contagio”, infatti, passato attraverso un intenso fundraising e un rapido
superamento di tutti gli adempimenti burocratici, adesso ci sono le risorse e le autorizzazioni per
avviare non solo la costruzione, ma anche la formazione finalizzata alla gestione di questo albergo
etico, che è tra i progetti “adottati” da Franco Antonello e “I bambini delle fate”.
“Fino a due anni e mezzo Toti era un bambino normalissimo, solo un po’ iperattivo. Non è stato
facile arrivare alla diagnosi di spettro autistico. Come tutte le madri che affrontano una situazione
simile, in tutti questi anni mi sono sempre immensamente preoccupata del futuro di mio figlio
Toti”, racconta Muni: “Questo albergo l’ho sognato, una notte, dopo aver conosciuto l’esperienza
di una realtà simile che ad Asti viene gestita da ragazzi down.

Insieme a mio marito Michele
gestiamo già da anni la nostra villa di Modica come struttura ricettiva: immaginare di
trasformarla significava pensare al futuro di Toti dopo di noi. Qualche giorno dopo ho avuto
notizia del concorso Axa ‘Nati per proteggere’ e ho capito che era arrivato il momento di mettersi
al lavoro, per provare a dare concretezza a quel sogno. Il concorso purtroppo non lo abbiamo vinto,
ma sin dal giorno dopo ho promesso che ‘La Casa di Toti’ avremmo trovato il modo di farla lo
stesso: quel tentativo, anzi, ci è servito da trampolino di lancio perché in tanti hanno conosciuto la
nostra storia e da allora si sono moltiplicate le occasioni di raccontarla. Abbiamo deciso di fondare
subito la Onlus e di cominciare la raccolta fondi, mentre un mio amico ingegnere si è messo al
lavoro e abbiamo cominciato a far nascere questo progetto solidale”.

A settembre del 2015 Muni, Michele e i collaboratori della onlus hanno cominciato con i
laboratori ludico-ricreativi e occupazionali a Trecastagni, dove vivono, ma l’incontro decisivo è
arrivato a dicembre 2015, con Franco Antonello: “Gli avevo chiesto come pensava di potesse
aiutarmi. Mi ha raccontato il lavoro de’ I bambini delle fate’ per finanziare progetti di inclusione
sociale per bambini e ragazzi con autismo e disabilità. Mi ha chiesto se ero pronta: ho detto di sì.
Dopo pochi giorni siamo andati a fare un corso di formazione da lui, a Castelfranco Veneto, e
subito dopo ci siamo messi a girare la Sicilia in lungo e in largo, soprattutto nelle province di
Catania e Ragusa, per avviare il crowdfunding. Non siamo andati a impietosirli, non abbiamo mai
avuto un approccio lacrimevole: siamo andati a proporre un’impresa nel sociale. Abbiamo
scommesso sul grande cuore degli imprenditori di questa terra e abbiamo avuto ragione: oggi
sono ben 23 quelli che hanno deciso di sostenerci”.

Come ogni impresa, anche quelle nel sociale, La Casa di Toti va costruita fisicamente ma anche
programmaticamente: “Ora che abbiamo perfezionato l’aspetto autorizzativo, siamo partiti con i
progetti legati alle risorse umane e alla carta dei servizi per chi farà parte della casa di Toti, mentre
lavoriamo al nostro business plan”.

Un business plan su cui potrebbe incidere molto la legge sul “Dopo di noi”: “Attendiamo con ansia
che venga recepita dalla Regione Sicilia. Il nostro progetto risponde esattamente agli scopi di
questa legge e confidiamo che possa aiutarci nella gestione”.

Ma intanto, appunto, l’importante è partire: “I lavori cominceranno subito e dureranno al
massimo tre anni (tutto dipende dai sostenitori!). Faremo gli scavi, le mura, il tetto con i soldi che
abbiamo raccolto fino ad ora e speriamo di fare piano piano il resto con quelli che ci auguriamo
continueranno ad arrivare attraverso ‘I Bambini delle Fate’ e con la generosità degli imprenditori
siciliani, ma non solo. Voglio che quella di sabato 26 novembre, quando ci saranno anche Franco
Antonello e suo figlio Andrea, sia una grande festa per ringraziarli, per ringraziare tutti quelli che
ci stanno aiutando, LA PRIMA GRANDE FESTA DE LA CASA DI TOTI!”.

0 commenti:

Posta un commento

NEBRODI E DINTORNI © Le cose e i fatti visti dai Nebrodi, oltre i Nebrodi. Blog, testata giornalistica registrata al tribunale il 12/3/1992.
La redazione si riserva il diritto di rivedere o bloccare completamente i commenti sul blog. I commenti pubblicati non riflettono le opinioni della testata ma solo le opinioni di chi ha scritto il commento.

60MO ANNIVERSARIO DEI TRATTATI DI ROMA: “IL RILANCIO DELL’EUROPA: DALLA CONFERENZA DI MESSINA AI TRATTATI DI ROMA: 1955-1957”

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 13 minuti fa
*Le celebrazioni per il 60mo anniversario dei Trattati di Roma. Il Vertice del prossimo 25 marzo in Campidoglio, nella cornice della Sala degli Orazi e Curiazi che nel 1957 ospitò la firma dei Trattati di Roma, sarà un appuntamento di grande rilevanza per celebrare i risultati di 60 anni di integrazione e lavorare concretamente sul futuro del progetto europeo. La conferenza di Messina si tenne nel 1955, dal 1º al 3 giugno, a Messina.* 23/03/2017 - Oltre a contribuire alla definizione dei contenuti e degli obiettivi del Vertice, il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione ... altro »

EUROPA DELLE BANCHE. LE CELEBRAZIONI PER IL 60MO ANNIVERSARIO DEI TRATTATI DI ROMA

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 20 minuti fa
*Le celebrazioni per il 60mo anniversario dei Trattati di Roma. Il Vertice del prossimo 25 marzo in Campidoglio, nella cornice della Sala degli Orazi e Curiazi che nel 1957 ospitò la firma dei Trattati di Roma, sarà un appuntamento di grande rilevanza per celebrare i risultati di 60 anni di integrazione e lavorare concretamente sul futuro del progetto europeo. Oltre a contribuire alla definizione dei contenuti e degli obiettivi del Vertice, il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ha deciso di promuovere una serie di eventi in Italia e nel mondo attraver... altro »

PULIMENTO UNIVERSITÀ, LAVORATORI IN STATO DI AGITAZIONE PER IL MANCATO PAGAMENTO DELLE SPETTANZE

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 33 minuti fa
Messina, 23 marzo 2017 – Potrebbe vedere uno spiraglio la vertenza relativa ai lavoratori impegnati nell’appalto di pulimento dell’Università di Messina. I 33 lavoratori della Con.For. Service, società esecutrice della convenzione stipulata con la Manitalidea, sono in stato di agitazione dallo scorso 16 marzo per il mancato pagamento delle spettanze relative al mese di febbraio. «Dopo il presidio effettuato nella giornata di ieri – spiegano Pancrazio Di Leo, Salvatore D’Agostino e Massimo Sili della Fisascat Cisl Messina – l’azienda ha provveduto al bonifico di un acconto del 50% d... altro »

EUROPA DELLE BANCHE. FINANZA ETICA PER UNA NUOVA EUROPA

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 35 minuti fa
*Finanza etica per una nuova Europa. Proposte della Fondazione Finanza Etica (Gruppo Banca Etica) per “La Nostra Europa” a 60 anni dall'inizio dell’integrazione europea* Roma, 23 marzo 2017_Nuove regole per arginare la speculazione e per chiudere il casinò finanziario; stop alla demonizzazione degli investimenti e della spesa pubblica; sostegno alla finanza etica che favorisce lo sviluppo sostenibile e l’economia solidale. Sono questi gli ingredienti della ricetta della Finanza Etica per rimettere la solidarietà e la cooperazione al centro della missione dell’Europa. Il documento è... altro »

TRIBUNALE BARCELLONA, INTERROGAZIONE DEL M5S PER AVERE RISPOSTE UFFICIALI

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 45 minuti fa
*Comunicato stampa del deputato Alessio Villarosa su un'interrogazione relativa al Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto che il deputato sta cercando di trasformare in un Question Time in Commissione per avere al più presto risposte ufficiali dal ministro* Barcellona P.G. (Me), 23/03/2017 - E’ stata presentata, nei giorni scorsi, a firma del deputato Villarosa, una interrogazione parlamentare avente come oggetto alcuni dei problemi che si riscontrano nella struttura Barcellonese, in particolar modo per quanto riguarda il numero di magistrati realmente operanti. Alla fine di questo... altro »

CADERE DALLE NUBI, IL NUOVO ATLANTE INTERNAZIONALE DELLE NUBI

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 51 minuti fa
*L'Organizzazione meteo mondiale, dopo diversi decenni, pubblica ufficialmente il nuovo Atlante internazionale delle nubi in occasione della Giornata mondiale della meteorologia che si tiene oggi. * Roma, 23/03/2017 – Per trovare una nube basta collegarsi al link https://www.wmocloudatlas.org/search-image-gallery.html dove, tramite un percorso guidato si giunge alla foto e alla descrizione della nube o più semplicemente, cliccando sulle foto si ha la descrizione. Il sistema di classificazione delle nubi attualmente adottato venne ideato nel 1803 da Luc Howard, autore del volume 'Th... altro »

“MEUCCI IL FIGLIO DEL... TELEFONO, MENDICANTE A TINDARI", DOMANI A CAPO D’ORLANDO LA PRESENTAZIONE

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 1 ora fa
*La triste e complicata vicenda di Carlo Meucci, figlio dell'inventore del telefono, vissuto a Tindari e sepolto a Patti nel 1966 rivive nel libro di Mimmo Mollica "Meucci il figlio del... telefono, mendicante a Tindari", edito da Armenio* Capo d'Orlando, 23/03/2017 - Il libro verrà presentato domani, venerdì 24 marzo, alle 18, presso la Biblioteca comunale di Capo d'Orlando. Coordina l'evento Carlo Sapone, responsabile della biblioteca comunale di Capo d'Orlando. Interverranno l'autore Mimmo Mollica, la psicologa Oriana Tumeo, l'assessore alla Cultura Cristian Gierotto, mentre Cinz... altro »