AUTORITÀ PORTUALE A MESSINA: TUTTE LE BATTAGLIE DEL MOVIMENTO 5 STELLE

“Mentre la politica messinese si risveglia dal torpore in vista delle prossime amministrative, intelando polemiche che non hanno alcuna base concreta, mi preme ricordare le battaglie che il MoVimento 5 Stelle ha combattuto a Roma a favore dell'istituzione di un'Autorità Portuale dello Stretto”.

Messina, 5 febbraio 2017 - Francesco D’Uva, parlamentare a 5 stelle, esordisce così nel rammentare gli anni trascorsi tra Roma e Messina a battersi affinché il diritto della continuità territoriale dello Stretto venisse rispettato. “Quando, ad agosto del 2015, la IX Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni diede parere favorevole al Piano Strategico Nazionale della Portualità (che prevedeva l'accorpamento delle AP esistenti) - continua D’Uva - fummo i primi a sottolineare che nel Piano non emergeva alcuna logica, che non vi era nessuna lista né tantomeno si parlava di Autorità Portuale di Messina".
Un lungo excursus, quello iniziato già nel gennaio 2015 quando, nonostante fossero trascorsi due mesi dall’insediamento del Comitato di esperti (per elaborare quel “Piano strategico nazionale della portualità e della logistica”), non vi era stata alcuna pianificazione strategica né della portualità né della logistica.

“Già allora avevamo richiesto di valutare la creazione di un’unica Autorità dello Stretto - sottolinea il parlamentare - che comprendesse Messina, Milazzo, Villa San Giovanni e Reggio Calabria e che gestisse i traffici marittimi tra le due sponde,  assicurando la necessaria continuità territoriale e puntando sulle caratteristiche peculiari di cui quest'area dispone. Qualche mese dopo fu palese a tutti che la logica del Governo sulla gestione delle AP era quella di assicurare poltrone ‘agli amici degli amici’, e allora scrivemmo una lettera indirizzata al Ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture per chiedere conto e ragione”.
Nel luglio 2015 il grido di protesta si alzò da tutti i portavoce, senatori e deputati, del MoVimento 5 Stelle e si concretizzò in una lettera con in calce 43 firme, indirizzata direttamente all’allora Ministro dei Trasporti Delrio. “Il solo pensare di accorpare l’Autorità Portuale di Messina a quella di Gioia Tauro o Catania rappresenta una scelta nociva, insensata ed illogica - si leggeva in un passaggio - e questo, difatti, sarebbe l’ennesimo smacco per tutti i cittadini siciliani e calabresi che da troppi anni vivono profondi disagi causati dalla progressiva riduzione dei servizi di trasporto per i pendolari, oltre che dalle continue ed illogiche scelte di Trenitalia” .

Poi arrivò il periodo dell’ipotesi di un accorpamento di Messina con Gioia Tauro, cosa che (nonostante oggi smentiscano in molti) allora avevano avallato e sostenuto in tanti, dall’onorevole Garofalo al Presidente dell’ARS Ardizzone, dalla Presidente del Consiglio Comunale di Messina Emilia Barrile allo stesso Sindaco di Messina Renato Accorinti, fino ad arrivare a Giampiero D’Alia.
“Lo scorso aprile, durante la Conferenza Stato Regioni in cui si parlò di riforma delle Autorità Portuali - incalza il pentastellato - il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta, fu assente. In quell'occasione ribadii chiaramente che l’accorpamento con Gioia Tauro sarebbe stato un enorme errore, in quanto il porto messinese aveva il maggior numero di passeggeri di tutto il Mediterraneo. Dal Governo iniziò allora a materializzarsi la possibilità di una proroga di 36 mesi per il mantenimento dell'autonomia dell'Autorità Portuale di Messina ed io non esitai un istante a presentare un'interrogazione al Ministro sostenendo, al contempo, che la città doveva mobilitarsi e fare pressing perché le scelte scellerate di Palazzo Chigi non danneggiassero, ancora una volta, i cittadini messinesi”.

“Adesso siamo a febbraio 2017 - conclude D’Uva - e di acqua sotto i ponti ne è passata tanta. Abbiamo combattuto la battaglia dell'AP per 3 anni e non abbiamo nessuna intenzione di arrenderci ora. Al contrario delle ‘belle addormentate’ che si risvegliano oggi dopo un lungo torpore, noi ci siamo sempre stati, così come dimostrano i fatti, nero su bianco. A noi non interessano le poltrone, non interessa 'suscitare polveroni' solo in prossimità di elezioni e candidature. A noi interessa stare affianco dei cittadini, batterci per i loro diritti, difendere le prerogative di una città che la politica, da destra a sinistra, ha solamente distrutto”.

Commenti