BOSS VENTURA, LA SCARCERAZIONE DESTA MOLTA PREOCCUPAZIONE

Palermo, 21 aprile 2017 - Scarcerato il boss di mafia Filippo Ventura, detto “Filippu ‘u marmararu”, capo del clan Carbonaro-Dominante, operante in provincia di Ragusa. Condannato per omicidio, estorsioni, rapine, armi e spaccio di droga, oltreché per associazione mafiosa, Ventura entrò in carcere per la prima volta nel 1993 e fu scarcerato nel 2006. Nel 2008 fu nuovamente arrestato e posto al 41 bis. Sconti di pena hanno fatto sì che Ventura sia tornato in libertà da ieri. Nel giugno del 1987, dopo l’uccisione del capoclan Michele Gallo, Ventura si era trasferito in Germania. Tornato in Italia l’anno dopo era a capo del clan Carbonaro-Dominante di Vittoria. In Lombardia, a Gemonio, Ventura commise il suo primo omicidio, stando alle testimonianze di alcuni testimoni di giustizia. Condannato a 30 anni, fu successivamente assolto in appello per insufficienza di prove.

"La scarcerazione del boss Filippo Ventura desta molta preoccupazione in relazione al condizionamento criminale nella provincia di Ragusa". Lo dice il senatore del Pd Giuseppe Lumia, componente della Commissione parlamentar antimafia.
"È questo un territorio - aggiunge - fortemente infiltrato dalla criminalità organizzata che ho avuto modo di denunciare in più occasioni attraverso numerose interrogazioni parlamentari". "Ventura - continua Lumia - è considerato unanimemente il capomafia del clan "Carbonaro-Dominante" e condannato anche per questa ragione. Inoltre è fratello di Giombattista Ventura, altro esponente di spicco della mafia locale che, di recente, è stato condannato per aver minacciato di morte il giornalista Paolo Borrometi".
"Ritengo indispensabile - conclude Lumia a mantenere alta l'attenzione. Pertanto presenterò al più presto una nuova interrogazione al governo".

Commenti