“ANTI-RANSOMWERE” SPETTA ALLA CYBER INTUITION IL PRIMATO CONTRO “IL VIRUS DEL RISCATTO”

Il Primato di aver sviluppato il primo software “anti-ransomwere” spetta alla Cyber Intuition, una start up italiana che ha prodotto “Raptor”, un programma capace di neutralizzare uno dei più temibili attacchi informatici, noto come “il virus del riscatto”.

Roma, 25\10\2016 A meno di 48 ore da uno dei più violenti attacchi informatici, che ha messo sotto scacco la sicurezza informatica degli Stati Uniti, “Cyber Intuition”, start up italiana - www.cyberintuition.it -, lancia il primo software anti-ransomware, chiamato “RaPToR” (acronimo di “Ransomware Prevention Toolkit & Rescue), capace di neutralizzare uno dei più temibili attacchi informatici, noto come “il virus del riscatto”, che blocca il sistema operativo crittografando i dati e chiedendone la restituzione dietro il pagamento di una somma in “bit coin”.

Cyber Intuition” - www.cyberintuition.it -, è una Security Company, specializzata in sicurezza informatica e business intelligence. La start up, con sede a Roma, ha vinto la sfida puntando su un problema ancora irrisolto: la salvaguardia dei dati sensibili. Il settore di ricerca e sviluppo ha prodotto il primo software anti-ransomware, chiamato “RaPToR” (acronimo di “Ransomware Prevention Toolkit & Rescue), capace di neutralizzare uno dei più temibili attacchi informatici, noto come “il virus del riscatto”. In un a società che dipende completamente dalla tecnologia, la protezione dei dati è un asset competitivo per le aziende e non solo per quelle di informatica. La start up italiana che ha indirizzato il suo know how al settore della cyberdefence, si pone sul mercato del digitale, come la “soluzione “per la tutela della protezione dei dati personali, nelle reti nazionali ed internazionali. Cyber Intuition offre soluzioni di sicurezza end-to-end attraverso il primo sistema di protezione IT, per garantire ai propri clienti una tecnologia all’avanguardia nel rispetto della difesa e della protezione dei propri dispostivi.

RAPTOR IL PRIMO SOFTAWARE ANTI-RANSOMWARE
Raptor (Ransomware Prevetion Toolkit & Rescue) è la soluzione anti-ransomware che protegge i dati degli utenti e previene il computer da infezioni derivanti da possibili infezioni Ransomware, un tipo di malware che limita l'accesso del dispositivo blocca il sistema operativo crittografando i dati e chiedendone la restituzione dietro il pagamento di una somma in “bit coin”. “RaPToR” si affianca ai tradizionali anti-virus, offrendo una soglia di protezione personalizzata, che punta su sistemi di filtraggio assolutamente complessi. Esso garantisce una vera protezione multi-livello, dalle mail, agli endpoint, dalle reti ai server.
Raptor riconosce i Ransomware attraverso l’utilizzo della più aggiornata tecnologia di analisi, intercettandone l'esecuzione e impedendone le attività di crittazione dei dati utente e di sistema.

La nostra tecnologia, ove riconosca la tipologia di Ransomware, ne permette l’esecuzione in un “ambiente controllato” evitandone la propagazione, provvedendo al salvataggio delle chiavi di cifratura generate e bloccando il processo di crittografia.
Il recupero di eventuali dati crittografati è consentito grazie al ripristino da copie di sicurezza generate costantemente utilizzando il software interno del sistema operativo, a loro volta protette, da eventuali azioni prodotte dal ransomware.
Non essendo oggi possibile contrastare la diffusione e l’esecuzione di questa tipologia di malware, l’unica soluzione è tutelare i dati presenti all’interno del computer.

Grazie ad aggiornamenti periodici è in grado di intercettare le nuove minacce di tipo ransomware. Per tutta la durata della licenza di utilizzo, l'utente può usufruire del servizio attraverso anche funzioni aggiuntive di prevenzione. Raptor protegge i dati della sola macchina in cui è installato; per una protezione totale è necessario che il software sia installato su tutti i dispositivi in rete, siano esse client o server.

Il software può essere eseguito su piattaforme con sistema operativo Microsoft.
Sono supportate le seguenti versioni sistemi operativi client 32/64 bit:
Microsoft Vista
Microsoft Windows 7
Microsoft Windows 8
Microsoft Windows 8.1
Microsoft Windows 10
Sono supportate le seguenti versioni sistemi operativi server:
Microsoft Windows Server 2008 (32/64 bit)
Microsoft Windows Server 2008 R2 (32/64 bit)
Microsoft Windows Server 2012
Microsoft Windows Server 2012 R2

COME AGISCE UN RANSOMWARE?
Il ransomware si diffonde tramite email o siti compromessi; I messaggi di posta sono convincenti e contengono un allegato, che passa incolume attraverso antivirus e antimalware, oppure un link a un sito di phishing. Recentemente, la diffusione è stata riscontrata anche tramite la navigazione su siti web compromessi da Angler Exploit Kit, si viene infettati solo per aver visitato una pagina web.
Tutti i dati vengono criptati. Il ransomware procede quindi alla crittografia di tutti i file che hanno le estensioni uguali a quelle per cui è stato programmato: colpisce anche le unità e le share di rete collegate e raggiungibili dalla macchina infettata.




Commenti