SANITÀ, LOTTA ALLA CORRUZIONE: DA SIRACUSA I CITTADINI CHIEDONO DI DIRE LA LORO

Cresce la voglia di partecipazione di operatori e cittadini contro la corruzione in sanità
Roma, 19 dicembre 2016 - Il 63% degli italiani pensa che negli ultimi quattro anni la corruzione non sia diminuita, e nell'ultimo anno ben 2 milioni e mezzo di italiani ammettono di aver pagato una mazzetta nell'ambito dei servizi pubblici e tra questi 1 milione e 600.000 per un servizio sanitario.
A questi dati, tratti dal Global Corruption Barometer 2016 di Transparency International Italia, si aggiungono quelli di una recente indagine del Censis in base alla quale il 28,8% degli italiani pensa che sarebbe necessario avere una comunicazione trasparente dei costi e delle prestazioni del welfare in maniera tale da poter confrontare le spese e limitare gli sprechi. Alla base c'è una mancanza di fiducia nel modo in cui i soggetti erogatori dei servizi gestiscono il denaro pubblico: il 55,9% degli italiani non ha fiducia nella gestione di risorse da parte degli ospedali convenzionati e il 45,4% degli ospedali pubblici.

Di fronte a un problema così rilevante e pervasivo, negli ultimi anni sono cresciute le sollecitazioni internazionali ed è stato messo a punto un sistema nazionale di normative e di controlli, a partire dall'obbligo, per le amministrazioni pubbliche, di adottare il Piano anticorruzione.

La rilevazione sull'avanzamento e la qualità dei Piani anticorruzione in sanità condotta da Riscc nel mese di novembre 2016 su 230 aziende sanitarie e ospedaliere nell'ambito del progetto «Curiamo la corruzione» che Transparency International Italia realizza in partnerariato con Censis, Ispe-Sanità e Riscc, ha fatto emergere un miglioramento della qualità dei Piani rispetto all'analisi effettuata l'anno precedente. Le aziende virtuose, che hanno analizzato i processi di corruzione ed i rischi correlati e individuato le più opportune misure di intervento, sono 113, ovvero il 49% del totale (contro il 26% dello scorso anno); diminuiscono invece le aziende che non rispettano i requisiti richiesti: nel 2015 il 40% dei Piani era stato valutato come insufficiente, quest'anno la percentuale è scesa al 14%. Si tratta di 32 aziende, che non hanno aggiornato il Piano o che l'hanno fatto senza la valutazione dei rischi di corruzione.

Dopo l'introduzione in Italia, con la legge 190 del 2012, della figura del segnalante (o whistleblowing, letteralmente «fischietto di allarme»), crescono anche le segnalazioni da parte del personale interno alle amministrazioni. Benché riconosciuto a livello internazionale come strumento essenziale per la emersione dei fatti illeciti, solo 13 Paesi su 32 in ambito Ocse hanno prodotto una specifica normativa in merito, mentre 14 Paesi, tra cui l'Italia, hanno singole disposizioni normative all'interno di altre leggi, e 5 Paesi non hanno alcuna disposizione.

Da settembre 2014 a maggio 2016 l'Autorità Nazionale Anticorruzione ha raccolto 299 segnalazioni, in maggioranza provenienti dal Sud e da parte di un dipendente pubblico, e classificate prevalentemente come casi di corruzione e cattiva amministrazione, demansionamento e trasferimenti illegittimi e appalti illegittimi.

Transparency International Italia, dal canto suo, attraverso la piattaforma informatica Alac (Allerta Anticorruzione) negli ultimi due anni ha raccolto 298 segnalazioni da vittime o testimoni di episodi di corruzione, provenienti principalmente da Lazio, Campania e Lombardia. Il 18% delle segnalazioni ricevute riguarda la sanità. Nell'ambito del progetto «Curiamo la corruzione», e con riferimento all'anno in corso, sono state raccolte nella piattaforma appositamente predisposta 12 segnalazioni provenienti dalle Asl pilota di Bari, Melegnano e Martesana, Siracusa e Trento.

Anche i cittadini chiedono di poter dire la loro nella lotta alla corruzione: secondo il Global Corruption Barometer il 51% degli italiani è convinto che i cittadini possono fare la differenza nella lotta alla corruzione, e il 61% dichiara che se fosse testimone di un episodio di corruzione si sentirebbe obbligato a denunciarlo.

In vista della seconda Giornata nazionale contro la corruzione in sanità, che si terrà il 6 aprile 2017, e in cui verranno presentati i risultati del secondo anno di attività del progetto, da oggi è possibile sottoscrivere una petizione popolare per un sistema sanitario nazionale più trasparente, integro ed equo. La petizione può essere visionata e sottoscritta sul sito del progetto www.curiamolacorruzione.it oppure sulla piattaforma Change.org. Fra i primi ad aderire Altroconsumo, che in questo modo e con il progetto Diritti in Salute vuole dare concretezza all'obbligo morale per tutti i cittadini di provare a migliorare la qualità e l'efficienza della sanità. A sostenere la petizione anche Cittadinanzattiva, associazione no profit da anni impegnata nella promozione e tutela dei diritti dei cittadini.

0 commenti:

Posta un commento

NEBRODI E DINTORNI © Le cose e i fatti visti dai Nebrodi, oltre i Nebrodi. Blog, testata giornalistica registrata al tribunale il 12/3/1992.
La redazione si riserva il diritto di rivedere o bloccare completamente i commenti sul blog. I commenti pubblicati non riflettono le opinioni della testata ma solo le opinioni di chi ha scritto il commento.

60MO ANNIVERSARIO DEI TRATTATI DI ROMA: “IL RILANCIO DELL’EUROPA: DALLA CONFERENZA DI MESSINA AI TRATTATI DI ROMA: 1955-1957”

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 13 minuti fa
*Le celebrazioni per il 60mo anniversario dei Trattati di Roma. Il Vertice del prossimo 25 marzo in Campidoglio, nella cornice della Sala degli Orazi e Curiazi che nel 1957 ospitò la firma dei Trattati di Roma, sarà un appuntamento di grande rilevanza per celebrare i risultati di 60 anni di integrazione e lavorare concretamente sul futuro del progetto europeo. La conferenza di Messina si tenne nel 1955, dal 1º al 3 giugno, a Messina.* 23/03/2017 - Oltre a contribuire alla definizione dei contenuti e degli obiettivi del Vertice, il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione ... altro »

EUROPA DELLE BANCHE. LE CELEBRAZIONI PER IL 60MO ANNIVERSARIO DEI TRATTATI DI ROMA

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 20 minuti fa
*Le celebrazioni per il 60mo anniversario dei Trattati di Roma. Il Vertice del prossimo 25 marzo in Campidoglio, nella cornice della Sala degli Orazi e Curiazi che nel 1957 ospitò la firma dei Trattati di Roma, sarà un appuntamento di grande rilevanza per celebrare i risultati di 60 anni di integrazione e lavorare concretamente sul futuro del progetto europeo. Oltre a contribuire alla definizione dei contenuti e degli obiettivi del Vertice, il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ha deciso di promuovere una serie di eventi in Italia e nel mondo attraver... altro »

PULIMENTO UNIVERSITÀ, LAVORATORI IN STATO DI AGITAZIONE PER IL MANCATO PAGAMENTO DELLE SPETTANZE

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 33 minuti fa
Messina, 23 marzo 2017 – Potrebbe vedere uno spiraglio la vertenza relativa ai lavoratori impegnati nell’appalto di pulimento dell’Università di Messina. I 33 lavoratori della Con.For. Service, società esecutrice della convenzione stipulata con la Manitalidea, sono in stato di agitazione dallo scorso 16 marzo per il mancato pagamento delle spettanze relative al mese di febbraio. «Dopo il presidio effettuato nella giornata di ieri – spiegano Pancrazio Di Leo, Salvatore D’Agostino e Massimo Sili della Fisascat Cisl Messina – l’azienda ha provveduto al bonifico di un acconto del 50% d... altro »

EUROPA DELLE BANCHE. FINANZA ETICA PER UNA NUOVA EUROPA

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 35 minuti fa
*Finanza etica per una nuova Europa. Proposte della Fondazione Finanza Etica (Gruppo Banca Etica) per “La Nostra Europa” a 60 anni dall'inizio dell’integrazione europea* Roma, 23 marzo 2017_Nuove regole per arginare la speculazione e per chiudere il casinò finanziario; stop alla demonizzazione degli investimenti e della spesa pubblica; sostegno alla finanza etica che favorisce lo sviluppo sostenibile e l’economia solidale. Sono questi gli ingredienti della ricetta della Finanza Etica per rimettere la solidarietà e la cooperazione al centro della missione dell’Europa. Il documento è... altro »

TRIBUNALE BARCELLONA, INTERROGAZIONE DEL M5S PER AVERE RISPOSTE UFFICIALI

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 45 minuti fa
*Comunicato stampa del deputato Alessio Villarosa su un'interrogazione relativa al Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto che il deputato sta cercando di trasformare in un Question Time in Commissione per avere al più presto risposte ufficiali dal ministro* Barcellona P.G. (Me), 23/03/2017 - E’ stata presentata, nei giorni scorsi, a firma del deputato Villarosa, una interrogazione parlamentare avente come oggetto alcuni dei problemi che si riscontrano nella struttura Barcellonese, in particolar modo per quanto riguarda il numero di magistrati realmente operanti. Alla fine di questo... altro »

CADERE DALLE NUBI, IL NUOVO ATLANTE INTERNAZIONALE DELLE NUBI

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 51 minuti fa
*L'Organizzazione meteo mondiale, dopo diversi decenni, pubblica ufficialmente il nuovo Atlante internazionale delle nubi in occasione della Giornata mondiale della meteorologia che si tiene oggi. * Roma, 23/03/2017 – Per trovare una nube basta collegarsi al link https://www.wmocloudatlas.org/search-image-gallery.html dove, tramite un percorso guidato si giunge alla foto e alla descrizione della nube o più semplicemente, cliccando sulle foto si ha la descrizione. Il sistema di classificazione delle nubi attualmente adottato venne ideato nel 1803 da Luc Howard, autore del volume 'Th... altro »

“MEUCCI IL FIGLIO DEL... TELEFONO, MENDICANTE A TINDARI", DOMANI A CAPO D’ORLANDO LA PRESENTAZIONE

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 1 ora fa
*La triste e complicata vicenda di Carlo Meucci, figlio dell'inventore del telefono, vissuto a Tindari e sepolto a Patti nel 1966 rivive nel libro di Mimmo Mollica "Meucci il figlio del... telefono, mendicante a Tindari", edito da Armenio* Capo d'Orlando, 23/03/2017 - Il libro verrà presentato domani, venerdì 24 marzo, alle 18, presso la Biblioteca comunale di Capo d'Orlando. Coordina l'evento Carlo Sapone, responsabile della biblioteca comunale di Capo d'Orlando. Interverranno l'autore Mimmo Mollica, la psicologa Oriana Tumeo, l'assessore alla Cultura Cristian Gierotto, mentre Cinz... altro »