OMICIDIO SCIPILLITI: FERMATA LA PRESUNTA ASSASSINA, E' FORTUNATA CAMINITI

Clamorosa svolta nelle indagini condotte dai Carabinieri di Messina a seguito dell’omicidio di SCIPILLITI Roberto. Nel pomeriggio di oggi, infatti, i Carabinieri del Comando Provinciale di Messina hanno eseguito un decreto di fermo di indiziato di delitto, emesso dalla locale Procura della Repubblica, nei confronti della 47/enne CAMINITI Fortunata, ritenuta responsabile di “omicidio, sequestro di persona e occultamento di cadavere”

Messina, 25/01/2017 - Il provvedimento restrittivo scaturisce dagli esiti di una complessa attività di indagine, sviluppata dal Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri Messina Sud a seguito dell’omicidio del 56enne SCIPILLITI Roberto, Vigile del Fuoco, come si ricorderà scomparso il 5 gennaio u.s. in Santa Teresa di Riva (ME) e rinvenuto cadavere il successivo 14 gennaio nelle campagne di Savoca (ME). Di SCIPILLITI Roberto si erano perse le tracce dal primo pomeriggio del 5 gennaio scorso allorquando usciva dalla propria abitazione di Roccalumera e si allontanava a bordo del suo fuoristrada, da solo, senza fare più ritorno. La sua auto, regolarmente chiusa a chiave, veniva ritrovata a S. Teresa di Riva il giorno stesso con a bordo un borsone con delle divise dei vigili del Fuoco, una busta con dei ricambi e delle medicine custodite nel cruscotto.
Immediatamente i Carabinieri attivavano il servizio di localizzazione dell’utenza in uso allo SCIPILLITI riscontrando come il telefono risultava posizionarsi nel comune di SAVOCA, elemento importantissimo che consentiva – a ragione, come poi dimostreranno i fatti - di concentrare le ricerche delle unità cinofile specializzate proprio in quella zona. Inoltre veniva acquisito anche il traffico telefonico della sua utenza di telefonia mobile da cui emergevano subito particolari che si rivelavano fondamentali per le indagini.

Infatti, il cadavere veniva rinvenuto nel primo pomeriggio del 14 proprio in Savoca (ME), località Rina Superiore, in fondo ad un fosso adiacente alla sede stradale della SP 21, nascosto tra la vegetazione e parzialmente coperto da un sacco di plastica nero, analogo a quelli utilizzati per la raccolta dei rifiuti. Gli elementi raccolti nell’immediatezza non consentivano di evidenziare in maniera chiara le cause del decesso, portando tuttavia a ritenere con buona probabilità che fosse conseguenza di un’azione violenta di terzi, sia per le modalità di occultamento del corpo che per una sospetta ferita alla testa, causata probabilmente da un colpo sferrato con un corpo contundente, che per la presenza di una strana lesione alla base del naso, che pur potendo essere il foro d’uscita di un proiettile - di cui non si riusciva però ad individuare il foro d’entrata – non ne aveva le tipiche caratteristiche. Inoltre nella tasca della giacca di SCIPILLITI veniva trovato il suo telefono cellulare, sporco di sangue e con lo schermo danneggiato.

La successiva autopsia sul corpo di SCIPILITI confermava i sospetti : la morte era stata determinata, infatti, da un colpo di pistola calibro 9, esploso a distanza ravvicinata dall’alto verso il basso. Le ricerche effettuate sul luogo del rinvenimento del cadavere anche con l’ausilio di personale del RIS non consentivano però di rinvenire sulla scena del crimine né il bossolo e né l’ogiva del colpo che aveva perforato da parte a parte il cranio di SCIPILLITI.
Dopo la scoperta del cadavere di SCIPILLITI, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Messina Sud verificavano, anzitutto, la presenza di eventuali telecamere lungo le varie strade che conducono al luogo del ritrovamento. L’attenzione degli investigatori, veniva subito attirata una Fiat Panda gialla di cui non si riusciva a leggere la targa, ma che transitava alle 15.28 in direzione mare/monte, verso il luogo del rinvenimento del cadavere con a bordo più persone non distinguibili. Alle successive 15.35 – dunque solo dopo 7 minuti - il mezzo veniva registrato mentre tornava in senso opposto dal luogo di rinvenimento del cadavere.

Il dato significativo, è che in quella fascia oraria - corrispondente a quella in cui anche la presenza dello SCIPILLITI era stata rilevata a Santa Teresa - verso il luogo ove era stato rinvenuto il corpo di SCIPILLITI transitava soltanto quella Panda gialla. Dalla telecamera si riuscivano ad apprezzare particolari importanti come una leggera ammaccatura al lato sinistro della targa posteriore.
Essendo evidente il collegamento tra l’utilitaria e l’omicidio, i Carabinieri iniziavano una certosina e attenta analisi di centinaia di telecamere di videosorveglianza presenti sull’intero litorale jonico, attività che consentiva di ricostruire la targa della vettura ricercata e ritrovarla all’alba del 20 gennaio.

Si trattava di un mezzo intestato a una ditta di noleggio del catanese, che il 4 gennaio (il giorno precedente la scomparsa dello SCIPILLITI) era stata affittata proprio alla CAMINITI che nella circostanza aveva presentato documenti falsi. L’auto era stata restituita con un giorno di ritardo, tanto che la donna si era dovuta giustificare dicendo che a bordo della vettura vi era stata una lite violenta tanto che alcuni suoi amici erano ricoverati in ospedale. Precisava anche che l’auto si era sporcata di sangue ed aveva provveduto a pulirla con l’alcol.

Peraltro nei giorni successivi un altro soggetto, mentre stava pulendo il mezzo per conto della ditta di noleggio, notava che nel vano porta oggetti posto sotto il sedile del passeggero anteriore, vi era una pozza di sangue sulla quale galleggiava una penna, tanto che l’uomo scattava una foto commentando come “……. dentro l’auto c’era stata una guerra……….”.
A questo punto era evidente come su quel veicolo fosse stato consumato un efferato delitto, ovvero l’omicidio dello SCIPILLITI, giustiziato mentre si trovava seduto sul mezzo.

Gli elementi acquisiti dai Carabinieri costituivano indizi di colpevolezza così gravi nei confronti della donna, quale esecutrice dell’omicidio, da determinare l’immediata emanazione da parte della Procura della Repubblica di Messina del provvedimento di fermo, anche in considerazione dell’accertata capacità della donna ad utilizzare altre identità e documenti falsi, attitudine che rende concreto il pericolo di fuga. Si tratta, infatti, di colei che nelle prime ore del 14 gennaio 2017, per mano dei Carabinieri della Compagnia di Messina Sud, era stata arrestata insieme al latitante Fabrizio CECCIO, pluripregiudicato messinese classe 1972, attivamente ricercato da aprile dell’anno scorso, allorquando si era reso irreperibile poiché colpito da ordinanza di custodia cautelare in carcere per il reato di “associazione per delinquere finalizzata alle truffe, al riciclaggio ed alla ricettazione”. In tale occasione i due provenivano insieme da una località del nord Italia ma il loro viaggio si era concluso a bordo di una nave “Caronte”, ad un passo della costa messinese. Nella circostanza i due erano entrambi in possesso di documenti falsi ed armati di pistola con matricola abrasa, carica e con colpo in canna, ovvero una Beretta calibro 22 ed una Sig Sauer calibro 9, con 60 colpi circa di riserva.

Al vaglio degli inquirenti i motivi del delitto ed eventuali complicità.

0 commenti:

Posta un commento

NEBRODI E DINTORNI © Le cose e i fatti visti dai Nebrodi, oltre i Nebrodi. Blog, testata giornalistica registrata al tribunale il 12/3/1992.
La redazione si riserva il diritto di rivedere o bloccare completamente i commenti sul blog. I commenti pubblicati non riflettono le opinioni della testata ma solo le opinioni di chi ha scritto il commento.

60MO ANNIVERSARIO DEI TRATTATI DI ROMA: “IL RILANCIO DELL’EUROPA: DALLA CONFERENZA DI MESSINA AI TRATTATI DI ROMA: 1955-1957”

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 13 minuti fa
*Le celebrazioni per il 60mo anniversario dei Trattati di Roma. Il Vertice del prossimo 25 marzo in Campidoglio, nella cornice della Sala degli Orazi e Curiazi che nel 1957 ospitò la firma dei Trattati di Roma, sarà un appuntamento di grande rilevanza per celebrare i risultati di 60 anni di integrazione e lavorare concretamente sul futuro del progetto europeo. La conferenza di Messina si tenne nel 1955, dal 1º al 3 giugno, a Messina.* 23/03/2017 - Oltre a contribuire alla definizione dei contenuti e degli obiettivi del Vertice, il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione ... altro »

EUROPA DELLE BANCHE. LE CELEBRAZIONI PER IL 60MO ANNIVERSARIO DEI TRATTATI DI ROMA

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 20 minuti fa
*Le celebrazioni per il 60mo anniversario dei Trattati di Roma. Il Vertice del prossimo 25 marzo in Campidoglio, nella cornice della Sala degli Orazi e Curiazi che nel 1957 ospitò la firma dei Trattati di Roma, sarà un appuntamento di grande rilevanza per celebrare i risultati di 60 anni di integrazione e lavorare concretamente sul futuro del progetto europeo. Oltre a contribuire alla definizione dei contenuti e degli obiettivi del Vertice, il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ha deciso di promuovere una serie di eventi in Italia e nel mondo attraver... altro »

PULIMENTO UNIVERSITÀ, LAVORATORI IN STATO DI AGITAZIONE PER IL MANCATO PAGAMENTO DELLE SPETTANZE

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 33 minuti fa
Messina, 23 marzo 2017 – Potrebbe vedere uno spiraglio la vertenza relativa ai lavoratori impegnati nell’appalto di pulimento dell’Università di Messina. I 33 lavoratori della Con.For. Service, società esecutrice della convenzione stipulata con la Manitalidea, sono in stato di agitazione dallo scorso 16 marzo per il mancato pagamento delle spettanze relative al mese di febbraio. «Dopo il presidio effettuato nella giornata di ieri – spiegano Pancrazio Di Leo, Salvatore D’Agostino e Massimo Sili della Fisascat Cisl Messina – l’azienda ha provveduto al bonifico di un acconto del 50% d... altro »

EUROPA DELLE BANCHE. FINANZA ETICA PER UNA NUOVA EUROPA

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 35 minuti fa
*Finanza etica per una nuova Europa. Proposte della Fondazione Finanza Etica (Gruppo Banca Etica) per “La Nostra Europa” a 60 anni dall'inizio dell’integrazione europea* Roma, 23 marzo 2017_Nuove regole per arginare la speculazione e per chiudere il casinò finanziario; stop alla demonizzazione degli investimenti e della spesa pubblica; sostegno alla finanza etica che favorisce lo sviluppo sostenibile e l’economia solidale. Sono questi gli ingredienti della ricetta della Finanza Etica per rimettere la solidarietà e la cooperazione al centro della missione dell’Europa. Il documento è... altro »

TRIBUNALE BARCELLONA, INTERROGAZIONE DEL M5S PER AVERE RISPOSTE UFFICIALI

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 45 minuti fa
*Comunicato stampa del deputato Alessio Villarosa su un'interrogazione relativa al Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto che il deputato sta cercando di trasformare in un Question Time in Commissione per avere al più presto risposte ufficiali dal ministro* Barcellona P.G. (Me), 23/03/2017 - E’ stata presentata, nei giorni scorsi, a firma del deputato Villarosa, una interrogazione parlamentare avente come oggetto alcuni dei problemi che si riscontrano nella struttura Barcellonese, in particolar modo per quanto riguarda il numero di magistrati realmente operanti. Alla fine di questo... altro »

CADERE DALLE NUBI, IL NUOVO ATLANTE INTERNAZIONALE DELLE NUBI

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 51 minuti fa
*L'Organizzazione meteo mondiale, dopo diversi decenni, pubblica ufficialmente il nuovo Atlante internazionale delle nubi in occasione della Giornata mondiale della meteorologia che si tiene oggi. * Roma, 23/03/2017 – Per trovare una nube basta collegarsi al link https://www.wmocloudatlas.org/search-image-gallery.html dove, tramite un percorso guidato si giunge alla foto e alla descrizione della nube o più semplicemente, cliccando sulle foto si ha la descrizione. Il sistema di classificazione delle nubi attualmente adottato venne ideato nel 1803 da Luc Howard, autore del volume 'Th... altro »

“MEUCCI IL FIGLIO DEL... TELEFONO, MENDICANTE A TINDARI", DOMANI A CAPO D’ORLANDO LA PRESENTAZIONE

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 1 ora fa
*La triste e complicata vicenda di Carlo Meucci, figlio dell'inventore del telefono, vissuto a Tindari e sepolto a Patti nel 1966 rivive nel libro di Mimmo Mollica "Meucci il figlio del... telefono, mendicante a Tindari", edito da Armenio* Capo d'Orlando, 23/03/2017 - Il libro verrà presentato domani, venerdì 24 marzo, alle 18, presso la Biblioteca comunale di Capo d'Orlando. Coordina l'evento Carlo Sapone, responsabile della biblioteca comunale di Capo d'Orlando. Interverranno l'autore Mimmo Mollica, la psicologa Oriana Tumeo, l'assessore alla Cultura Cristian Gierotto, mentre Cinz... altro »