COSA NOSTRA DEI NEBRODI: 9 PERSONE INDIZIATE DI ATTI ESTORSIVI AGGRAVATI DAL METODO MAFIOSO


Le persone in vinculis sono: CALANNI Roberto, nato a Paternò (CT) il 14.09.1980; CATANIA Salvatore, inteso Turi, nato a Bronte (CT) il 24.5.1962; CORSARO Giuseppe, nato a Bronte (CT) il 31.01.1984; GALATI GIORDANO Antonino, nato a Bronte (CT) il 4.09.1983;
GALATI GIORDANO Luigi, nato a Catania il 23.10.1985; GERMANÀ Salvo, nato a Bronte (CT) il 04.05.1976; LUPICA CRISTO Carmelo nato a Tortorici (ME) il 2.1.1955; PRUITI Giovanni, nato a Bronte (CT) l’1.1.1976; TRISCARI GIACUCCO Carmelo nato a Cesarò (ME) il 6.10.1973

18/02/2017  - La Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Catania ha emesso, il giorno 13.02.2017, un Decreto di fermo di indiziato di delitto a carico di 9 persone per essere le stesse gravemente indiziate, a vario titolo, di appartenere alla articolazione di cosa nostra etnea operante nei comuni di Bronte, Cesarò e Maniace, nonché di essere autori di atti estorsivi aggravati dal metodo mafioso. Il provvedimento è stato eseguito nelle prime ore di martedì 14.02.2017 da personale dei Carabinieri del ROS di Catania e della Compagnia di Santo Stefano di Camastra. Il quadro probatorio descritto nel provvedimento di fermo ha trovato accoglimento nei provvedimenti di custodia cautelare emessi nel pomeriggio di ieri 17.02.2017 dai competenti Uffici GIP del Tribunale di Catania, nonché di Ragusa e Caltagirone, nei confronti di tutti e 9 i soggetti fermati.

L’indagine, denominata NEBRODI, trae spunto da quanto accaduto al Dott. ANTOCI Giuseppe, Presidente dell’Ente Parco dei Nebrodi dal 2013, allorquando, nelle prime ore del 18 maggio 2016, subiva un attentato in località San Fratello (ME), rimanendo illeso.

Nel corso delle conseguenti attività di analisi, si focalizzava l’approfondimento investigativo sul particolare risvolto economico connesso al possesso di terreni ed animali nell’area teatro delle condotte che nel corso dell’indagine si sono poi ricostruite.

Si rilevava, in particolare, che la vittima dell’attentato aveva riscontrato che la conduzione dei terreni gestiti dal Parco era stata per lungo tempo affidata ad assetti aziendali contigui o riferibili ad aggregati mafiosi che, in tal modo, riuscivano ad ottenere importanti contributi comunitari erogati dall’A.G.E.A. e a drenare importanti flussi finanziari destinati al settore agricolo.
Per tale ragione, il 18.03.2015, l’ente Parco, i comuni del comprensorio e altri enti pubblici siglavano il c.d. Protocollo di legalità, che tra i requisiti per la partecipazione ai bandi relativi all’affidamento dei terreni pubblici imponeva il possesso della certificazione antimafia. Ciò produceva effetti preclusivi per le aziende non in grado di ottenere la prescritta certificazione e spingeva le aziende non in regola a rivolgere l’attenzione a terreni privati e a diversi moduli organizzativi al fine di acquisire il controllo dei terreni e dei connessi, e ingenti, benefici economici.
Tali innovazioni determinavano effetti anche sul territorio di competenza di questa AG, giacché nella gestione del citato ente rientrano anche aree ricadenti nei territori di questo distretto giudiziario, individuati nei comuni di Bronte, Maniace e Randazzo.

In tale contesto, nel giugno del 2016, si dava avvio ad un primo filone di indagine incentrato sulla figura di CATANIA Salvatore, già elemento di vertice del clan mafioso operante nell’area territoriale compresa tra i comuni di Bronte, Maletto, Maniace e Cesarò, saldamente legato a cosa nostra catanese facente capo ai SANTAPAOLA - ERCOLANO.
Si traeva anche spunto da quanto emerso in precedenti analoghi contesti investigativi, l’ultimo dei quali, KRONOS, consentiva di documentare l’attuale operatività di CATANIA Salvatore quale elemento la cui presenza veniva ritenuta indispensabile nei maggiori momenti relazionali dell’associazione cosa nostra etnea.

A ciò si aggiungeva il secondo filone di indagine cui dava la stura un primo plateale e feroce atto intimidatorio commesso ai danni di un allevatore cesarese. Una prima analisi della situazione patrimoniale e delle attività economiche della persona offesa e gli iniziali accertamenti portavano a ricondurre il gesto ad una più ampia attività estorsiva diretta nei confronti di questi e di altri due suoi soggetti, con i quali il primo aveva già formalizzato preliminari di acquisto di terreni, con una estensione di circa 120 ettari, ricadenti nel parco dei Nebrodi, per i quali il prezzo finale di acquisto veniva concordato in 440.000,00 euro e con riguardo ai quali si potevano calcolare profitti stimati sull’ordine dei 50 mila euro annui.

L’immediata attività di indagine, che comunque si scontrava contro un impermeabile muro di omertà e reticenze consentiva di stabilire che il delitto in parola, maturato in un preciso ambito di criminalità organizzata di stampo mafioso, vedeva come protagonista PRUITI Giovanni il quale, unitamente a LUPICA CRISTO Carmelo, TRISCARI GIACUCCO Carmelo, CORSARO Giuseppe, GALATI GIORDANO Antonino, GALATI GIORDANO Luigi e GERMANÀ Salvo, si era attivamente adoperato nel tentativo di indurre quei promissari acquirenti di estesi appezzamenti di terreno, anche con ulteriori efferati atti intimidatori, concretizzatesi anche in gravi aggressioni alle loro persone, a recedere dalle trattative, benché esse fossero state formalizzate e perfezionate col versamento di caparre dell’ordine di 200.000 € complessivi.

L’impianto investigativo, fortemente sviluppato a seguito di tali fatti, consentiva di evidenziare un forte legame tra PRUITI e lo stesso CATANIA Salvatore, risultando questi, grazie anche al ruolo rivestito dal suo fidato CALANNI Roberto, assolutamente egemone su tutta quell’area nebroidea.
Le evidenze raccolte attraverso attività tecniche e tradizionali metodi investigativi, documentavano come il sodalizio riuscisse ad ostacolare con il metodo mafioso ogni libera iniziativa agricola-imprenditoriale e condizionare fortemente il libero mercato. Infatti, danneggiamenti, furti, uccisione di animali ed estorsioni sono divenuti ordinario strumento per indurre i proprietari a riconoscere come unici interlocutori gli aggregati mafiosi che, volta per volta, scelgono la condotta da tenere: intavolare autonome trattative con i proprietari terrieri oppure inserirsi in quelle eventualmente già in essere ad opera di terzi, inducendo le relative parti a recedere dagli intendimenti negoziali.

 In tale ultimo caso, l’aggregato operava in prima istanza su tutti gli aspiranti acquirenti provocandone il recesso dalle trattative in corso, anche mediante concrete intimidazioni, come è avvenuto nelle ipotesi contestate agli arrestati, nelle quali i sodali, fondando il proprio potere contrattuale sulla forza intimidatrice promanante dal vincolo associativo, hanno, di fatto, ostacolato l’iniziativa economica privata, coartando la volontà dei soggetti imprenditoriali ed alterando le logiche di mercato.

In tale contesto, il perpetrarsi di una ulteriore intimidazione ad uno dei vessati promissari acquirenti dei terreni sopra descritti, avvenuta in pieno centro e non senza far ricorso ad atti di estrema violenza, ed il riferimento al pericolo di vita per gli stessi qualora non si fossero definitivamente allineati al disegno criminale, rendeva necessario ed improcrastinabile un intervento d’urgenza quale il decreto di fermo emessi da questa Procura Distrettuale.

Le persone in vinculis sono:
·9 CALANNI Roberto, nato a Paternò (CT) il 14.09.1980;
·10 CATANIA Salvatore, inteso Turi, nato a Bronte (CT) il 24.5.1962;
·11 CORSARO Giuseppe, nato a Bronte (CT) il 31.01.1984;
·12 GALATI GIORDANO Antonino, nato a Bronte (CT) il 4.09.1983;
·13 GALATI GIORDANO Luigi, nato a Catania il 23.10.1985;
·14 GERMANÀ Salvo, nato a Bronte (CT) il 04.05.1976;
·15 LUPICA CRISTO Carmelo nato a Tortorici (ME) il 2.1.1955
·16 PRUITI Giovanni, nato a Bronte (CT) l’1.1.1976;
·17 TRISCARI GIACUCCO Carmelo nato a Cesarò (ME) il 6.10.1973;

Operazione “NEBRODI”, le dichiarazioni del Col. Iacopo Mannucci Benincasa, Comandante Provinciale Carabinieri di Messina:

“L’operazione dei Carabinieri ha svelato come la mafia dei Nebrodi stia tentando di aggirare i vincoli posti dal protocollo Antoci nell’erogazione dei contributi comunitari in agricoltura.
Le indagini condotte dall’Ama hanno infatti permesso di fare luce su una serie di estorsioni, di cui erano vittime alcuni imprenditori agricoli, costretti a cedere ad esponenti del clan Santapaola ogni diritto su centinaia di ettari di terreno, per acquistare i quali avevano già versato oltre 250 mila euro.
I 9 arresti hanno posto fine al clima di terrore – fatto di macabre intimidazioni e violente aggressioni – che ormai da mesi si respirava tra gli allevatori della zona.”

0 commenti:

Posta un commento

NEBRODI E DINTORNI © Le cose e i fatti visti dai Nebrodi, oltre i Nebrodi. Blog, testata giornalistica registrata al tribunale il 12/3/1992.
La redazione si riserva il diritto di rivedere o bloccare completamente i commenti sul blog. I commenti pubblicati non riflettono le opinioni della testata ma solo le opinioni di chi ha scritto il commento.

60MO ANNIVERSARIO DEI TRATTATI DI ROMA: “IL RILANCIO DELL’EUROPA: DALLA CONFERENZA DI MESSINA AI TRATTATI DI ROMA: 1955-1957”

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 13 minuti fa
*Le celebrazioni per il 60mo anniversario dei Trattati di Roma. Il Vertice del prossimo 25 marzo in Campidoglio, nella cornice della Sala degli Orazi e Curiazi che nel 1957 ospitò la firma dei Trattati di Roma, sarà un appuntamento di grande rilevanza per celebrare i risultati di 60 anni di integrazione e lavorare concretamente sul futuro del progetto europeo. La conferenza di Messina si tenne nel 1955, dal 1º al 3 giugno, a Messina.* 23/03/2017 - Oltre a contribuire alla definizione dei contenuti e degli obiettivi del Vertice, il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione ... altro »

EUROPA DELLE BANCHE. LE CELEBRAZIONI PER IL 60MO ANNIVERSARIO DEI TRATTATI DI ROMA

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 20 minuti fa
*Le celebrazioni per il 60mo anniversario dei Trattati di Roma. Il Vertice del prossimo 25 marzo in Campidoglio, nella cornice della Sala degli Orazi e Curiazi che nel 1957 ospitò la firma dei Trattati di Roma, sarà un appuntamento di grande rilevanza per celebrare i risultati di 60 anni di integrazione e lavorare concretamente sul futuro del progetto europeo. Oltre a contribuire alla definizione dei contenuti e degli obiettivi del Vertice, il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ha deciso di promuovere una serie di eventi in Italia e nel mondo attraver... altro »

PULIMENTO UNIVERSITÀ, LAVORATORI IN STATO DI AGITAZIONE PER IL MANCATO PAGAMENTO DELLE SPETTANZE

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 33 minuti fa
Messina, 23 marzo 2017 – Potrebbe vedere uno spiraglio la vertenza relativa ai lavoratori impegnati nell’appalto di pulimento dell’Università di Messina. I 33 lavoratori della Con.For. Service, società esecutrice della convenzione stipulata con la Manitalidea, sono in stato di agitazione dallo scorso 16 marzo per il mancato pagamento delle spettanze relative al mese di febbraio. «Dopo il presidio effettuato nella giornata di ieri – spiegano Pancrazio Di Leo, Salvatore D’Agostino e Massimo Sili della Fisascat Cisl Messina – l’azienda ha provveduto al bonifico di un acconto del 50% d... altro »

EUROPA DELLE BANCHE. FINANZA ETICA PER UNA NUOVA EUROPA

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 35 minuti fa
*Finanza etica per una nuova Europa. Proposte della Fondazione Finanza Etica (Gruppo Banca Etica) per “La Nostra Europa” a 60 anni dall'inizio dell’integrazione europea* Roma, 23 marzo 2017_Nuove regole per arginare la speculazione e per chiudere il casinò finanziario; stop alla demonizzazione degli investimenti e della spesa pubblica; sostegno alla finanza etica che favorisce lo sviluppo sostenibile e l’economia solidale. Sono questi gli ingredienti della ricetta della Finanza Etica per rimettere la solidarietà e la cooperazione al centro della missione dell’Europa. Il documento è... altro »

TRIBUNALE BARCELLONA, INTERROGAZIONE DEL M5S PER AVERE RISPOSTE UFFICIALI

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 45 minuti fa
*Comunicato stampa del deputato Alessio Villarosa su un'interrogazione relativa al Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto che il deputato sta cercando di trasformare in un Question Time in Commissione per avere al più presto risposte ufficiali dal ministro* Barcellona P.G. (Me), 23/03/2017 - E’ stata presentata, nei giorni scorsi, a firma del deputato Villarosa, una interrogazione parlamentare avente come oggetto alcuni dei problemi che si riscontrano nella struttura Barcellonese, in particolar modo per quanto riguarda il numero di magistrati realmente operanti. Alla fine di questo... altro »

CADERE DALLE NUBI, IL NUOVO ATLANTE INTERNAZIONALE DELLE NUBI

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 51 minuti fa
*L'Organizzazione meteo mondiale, dopo diversi decenni, pubblica ufficialmente il nuovo Atlante internazionale delle nubi in occasione della Giornata mondiale della meteorologia che si tiene oggi. * Roma, 23/03/2017 – Per trovare una nube basta collegarsi al link https://www.wmocloudatlas.org/search-image-gallery.html dove, tramite un percorso guidato si giunge alla foto e alla descrizione della nube o più semplicemente, cliccando sulle foto si ha la descrizione. Il sistema di classificazione delle nubi attualmente adottato venne ideato nel 1803 da Luc Howard, autore del volume 'Th... altro »

“MEUCCI IL FIGLIO DEL... TELEFONO, MENDICANTE A TINDARI", DOMANI A CAPO D’ORLANDO LA PRESENTAZIONE

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 1 ora fa
*La triste e complicata vicenda di Carlo Meucci, figlio dell'inventore del telefono, vissuto a Tindari e sepolto a Patti nel 1966 rivive nel libro di Mimmo Mollica "Meucci il figlio del... telefono, mendicante a Tindari", edito da Armenio* Capo d'Orlando, 23/03/2017 - Il libro verrà presentato domani, venerdì 24 marzo, alle 18, presso la Biblioteca comunale di Capo d'Orlando. Coordina l'evento Carlo Sapone, responsabile della biblioteca comunale di Capo d'Orlando. Interverranno l'autore Mimmo Mollica, la psicologa Oriana Tumeo, l'assessore alla Cultura Cristian Gierotto, mentre Cinz... altro »