FESTA DELLA REPUBBLICA: «CARI PREFETTI... BUON LAVORO»

Oggi, 2 Giugno 2017, in occasione del 71° Anniversario della Fondazione della Repubblica, ha avuto luogo in Piazza Unione Europea del Comune di Messina una solenne cerimonia con la deposizione di una corona d’alloro al Monumento ai caduti.

Messina, 2 giugno 2017 - Alla manifestazione hanno partecipato Autorità religiose, civili e militari, rappresentanze delle Forze Armate e delle Forze dell’Ordine, Associazioni Combattentistiche e d'Arma e scolaresche. Erano presenti anche il Gonfalone della Città di Messina (decorato con Medaglia d'Oro al Valor Militare), il Gonfalone della Provincia Regionale di Messina, il Medagliere del Nastro Azzurro ed i Vessilli ed i Labari delle Associazioni Combattentistiche e d'Arma.
Durante la cerimonia, il Prefetto della Provincia di Messina, Dott.ssa Francesca Ferrandino, dopo aver dato lettura del consueto messaggio del Capo dello Stato inviato a tutti i Prefetti della Repubblica, ha altresì consegnato dodici diplomi di Onorificenza al Merito della Repubblica Italiana, tre Medaglie d’onore - previste a favore dei cittadini italiani, militari e civili, e dei familiari dei deceduti deportati od internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l’economia di guerra nell’ultimo conflitto mondiale, in attuazione della Legge 27 Dicembre 2006 n. 296 - alla memoria di tre persone decedute, residenti in questa Provincia, appartenenti alle cennate categorie.

E’ stata altresì consegnata una medaglia d’oro al valor civile, in memoria del Sig. Luca Arlotta che, in data 15 gennaio 2011, “Con pronta e generosa determinazione, mentre stava pescando sulla riva, richiamato dalle grida degli amici caduti in mare da una imbarcazione rovesciata, saliva su un'altra barca, riuscendo a raggiungerli e a trarli in salvo. Per un onda improvvisa si rovesciava anche l'imbarcazione su cui si trovava e cadendo nelle gelide acque, perdeva tragicamente la vita. Splendido esempio di grande coraggio e umana solidarietà spinti fino all'estremo sacrificio.”

«CARI PREFETTI,
NELLA RICORRENZA DELLA FESTA DELLA REPUBBLICA DESIDERO RIVOLGERE, PER IL VOSTRO TRAMITE, UN GRATO SALUTO A QUANTI SVOLGONO PUBBLICHE FUNZIONI AL SERVIZIO DELLE COMUNITÀ, CHIAMATI A TRADURRE LA SCELTA REPUBBLICANA NELL'ESERCIZIO QUOTIDIANO DEI PRINCIPI E VALORI COSTITUZIONALI.
NEI DIVERSI CONTESTI TERRITORIALI, I PREFETTI SONO FORTEMENTE IMPEGNATI A GARANTIRE LA COESIONE SOCIALE E ISTITUZIONALE E LA SICUREZZA DEI CITTADINI.
IL PRESIDIO E IL BUON ANDAMENTO DELLE AMMINISTRAZIONI LOCALI, PRESERVANDOLE DA INGERENZE CRIMINALI, È GARANZIA DELLA DIALETTICA DEMOCRATICA RISPETTO A POSSIBILI TENTATIVI DI INTIMIDAZIONE O CONDIZIONAMENTO.
VANNO RIAFFERMATI CON FORZA I PRINCIPI DI UGUAGLIANZA E PARI OPPORTUNITÀ CONTRO OGNI DISCRIMINAZIONE E PER LA DIFESA DEI DIRITTI DELLE DONNE, DEI MINORI E DELLE PERSONE SVANTAGGIATE.
LE INTOLLERABILI PIAGHE DEL FEMMINICIDIO, DELLA VIOLENZA DI GENERE, DEL BULLISMO, POSSONO ESSERE CONTRASTATE NON SOLTANTO ATTRAVERSO L'IMPIEGO DEGLI STRUMENTI DI PREVENZIONE PREVISTI PER LEGGE, MA ANCHE CON INIZIATIVE DI EDUCAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE PER LE QUALI È UTILE IL COORDINAMENTO FRA ISTITUZIONI E AMMINISTRAZIONI DIVERSE.
GLI EVENTI SISMICI CHE HANNO COLPITO I TERRITORI DELL'ITALIA CENTRALE, AGGRAVATI DALLE ECCEZIONALI AVVERSITÀ ATMOSFERICHE CHE SI SONO ACCANITE SU QUELLE POPOLAZIONI, HANNO INFERTO UNA FERITA AL CUORE DEL PAESE, SOLLECITANDOCI A PRESERVARE AL MEGLIO L'ASSETTO DEI NOSTRI TERRITORI E A MANTENERE VIGILE ED EFFICIENTE IL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE CHE VIVE DELL'IMPEGNO SINERGICO DI MOLTEPLICI COMPONENTI, PUBBLICHE E PRIVATE.
LA DIFFICILE GESTIONE DELL'EMERGENZA SISMICA HA EVIDENZIATO LA NECESSITÀ CHE LA COLLABORAZIONE FRA I LIVELLI DI GOVERNO SIA SEMPRE OPEROSA E SOLIDALE, E LO STESSO SPIRITO DEVE ACCOMPAGNARE LE AZIONI VOLTE ALLA RICOSTRUZIONE DI QUELLE AREE: PRIORITÀ NAZIONALE CHE NON PUÒ CONOSCERE ARRETRAMENTI.
NEL SOCCORSO E NELL'ACCOGLIENZA DEI MIGRANTI, NONCHÉ NEI COMPLESSI E INDISPENSABILI PROCESSI DI INTEGRAZIONE, I PREFETTI SI PRODIGANO NEL FAVORIRE IL DIALOGO CON LE COMUNITÀ LOCALI E, NELL'ASCOLTO RECIPROCO, PROMUOVERE LE CONDIZIONI DI UNA CONVIVENZA SERENA E RISPETTOSA DELLA LEGALITÀ E DELLA DIGNITÀ UMANA.
IL BENE DELLA SICUREZZA, TALVOLTA PERCEPITO COME MINACCIATO, APPARTIENE A TUTTI, E TUTTI ABBIAMO IL DOVERE DI CONTRIBUIRVI CON COMPORTAMENTI ORIENTATI ALLA LEGALITÀ E ALL'INTERESSE GENERALE. L'ATTIVITÀ SVOLTA DALLA MAGISTRATURA E DALLE FORZE DI POLIZIA PER CONTRASTARE I FENOMENI DELINQUENZIALI VA SOSTENUTA, INSIEME CON I SINDACI, DA UNA RETE DI INIZIATIVE IN GRADO DI GARANTIRE LA VIVIBILITÀ DEI LUOGHI E RIMUOVERE I FATTORI DI DISAGIO ED ESCLUSIONE SOCIALE CHE POSSONO FAVORIRE L'ILLEGALITÀ DIFFUSA.
 ALLA SERENITÀ DEI CITTADINI CONTRIBUISCE LA CONSAPEVOLEZZA DELL'ELEVATO IMPEGNO PROFUSO DAGLI APPARATI DELLO STATO PER LA LOTTA AL TERRORISMO E PER LA SICUREZZA DEI LUOGHI PUBBLICI, ANCHE ATTRAVERSO ATTIVITÀ COORDINATE DI PREVENZIONE E INTELLIGENCE.
IL CONTRASTO ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA, ALLA CORRUZIONE E AL MALAFFARE, CHE VEDE I PREFETTI INTERVENIRE ANCHE CON GLI STRUMENTI DI PREVENZIONE AMMINISTRATIVA PIÙ AVANZATA, RICHIEDE UN CONVINTO COINVOLGIMENTO ETICO E CULTURALE, IN GRADO DI CONTRASTARE ELUSIONE DI REGOLE E LOGICHE DI APPARTENENZA.
LE AZIONI A DIFESA DELLA LEGALITÀ NELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE VARRANNO ANCHE A RAFFORZARE LA VOLONTÀ DI QUEGLI IMPRENDITORI CHE, NON RINUNCIANDO AL LORO FUTURO IN ITALIA, CONTRIBUISCONO ALLA RIPRESA ECONOMICA E OCCUPAZIONALE DEL PAESE.
CON QUESTI AUSPICI, A VOI PREFETTI E A QUANTI CON VOI CELEBRANO LA FESTA DELLA REPUBBLICA, RIVOLGO AUGURI DI BUON LAVORO».

SERGIO MATTARELLA
_______________________
Cerimonia 2 giugno 2017
Si procede ora alla consegna di diplomi delle Onorificenze dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.
Consegna delle Onorificenze di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana:

1 Cavaliere Silvio SAMMARRO - Luogotenente dei Carabinieri a riposo
Consegna il Sindaco di Messina Prof. Renato Accorinti

2 Cavaliere Tony ZARRILLO - Maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri
Consegna il Comandante Prov.le Carabinieri Col. Jacopo Mannucci
Benincasa

3 Cavaliere Antonio Franco MAIMONE - Luogotenente dell'Arma dei Carabinieri a riposo
Consegna il Comandante Prov.le Carabinieri

4 Cavaliere Giuseppe MINUTOLI - Colonnello della Guardia di Finanza a riposo
Consegna il Comandante Prov.le della Guardia di Finanza Gen. Claudio Bolognese

5 Cavaliere Francesco LENZO - Luogotenente della Guardia di Finanza
Consegna il Comandante Prov.le della Guardia di Finanza

6 Cavaliere Antonino RUSSO – Luogotenente della Guardia di Finanza
Consegna il Comandante Prov.le della Guardia di Finanza

7 Cavaliere Mario Tindaro PERESI – Luogotenente della Guardia di Finanza
Consegna il Comandante Prov.le della Guardia di Finanza


8 Cavaliere Gaetano FAMA’ – Luogotenente della Guardia di Finanza
Consegna il Comandante Prov.le Guardia di Finanza

9 Cavaliere Pietro BEBBA - Capo Reparto Esperto VV.FF. a riposo
Consegna il Comandante Prov.le Vigili del Fuoco Ing. Pietro Foderà

10 Cavaliere Stefania GRECO - Commissario Capo Polizia Penitenziaria di Barcellona P.G.
Consegna il Direttore della Casa Circondariale di Barcellona P.G.
dott. Nunziante Rosania

11 Cavaliere Vincenzo PICCIOLO - Medico Referente Azienda Sanitaria Provinciale di Messina - Emergenza Urgenza 118.
Consegna il Sindaco di Sant’Alessio Siculo Prof.ssa Rosa Anna Fichera


Si procede ora alla consegna del diploma di Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.


12 Ufficiale Antonio TOMASELLO - Direttore Vice Dirigente del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Messina
Consegna il Questore di Messina Dott. Giuseppe Cucchiara


Si procede ora alla consegna delle Medaglie d’onore concesse ai cittadini italiani, militari, civili, deportati ed internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l’economia di guerra ed ai familiari dei deceduti


Sig. Vito MASTROROCCO

Il Sig. Vito Mastrorocco, assegnato al Distretto militare di Tirana, viene fatto prigioniero il 14 settembre 1943 dalla Wermacht e deportato in un campo di concentramento della Bassa Sassonia, dove è stato sottoposto a maltrattamenti. Nell’ottobre del 1943 viene avviato al campo di lavoro 6008, dove le condizioni di vita erano durissime. Liberato dagli americani nell’aprile del 1945, rientra in Italia con mezzi di fortuna nel settembre dello stesso anno.
E’ deceduto e ritira la figlia Annamaria.
Consegna il Sindaco di Villafranca Tirrena Dott. Matteo De Marco

2 Sig. Giuseppe MESSINA

Il Sig. Giuseppe MESSINA, con il grado di soldato del Genio, si trovava a bordo del piroscafo Oria, sequestrato nel 1942 da Militari tedeschi, e successivamente deportato nei campi di concentramento in Germania fino al decesso, avvenuto nel 1944.
E’ deceduto e ritira il nipote Giuseppe
Consegna il Sindaco di S. Piero Patti Dr.ssa Ornella Trovato

3 Sig. Antonino PARISI

Il Sig. Antonino Parisi, arruolato nel Battaglione 76/40 "Navarrino”, viene catturato in Italia dai Militari tedeschi e deportato in Germania, dove è stato internato in un campo di concentramento nel quale è rimasto due anni. E’ stato liberato l’8.9.1945 e dopo un breve soggiorno in Germania, ha fatto rientro in Italia.
E’ deceduto e ritira il figlio Giancarlo
Consegna il Presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana On. Giovanni Ardizzone



Si procede ora alla consegna della Medaglia d’oro al Valor Civile, alla memoria, conferita dal Presidente della Repubblica al

Sig. Luca ARLOTTA

con la seguente motivazione:

“Il Sig. Luca Arlotta in data 15 gennaio 2011, con pronta e generosa determinazione, mentre stava pescando sulla riva, richiamato dalle grida degli amici caduti in mare da una imbarcazione rovesciata, saliva su un'altra barca, riuscendo a raggiungerli e a trarli in salvo. Per un onda improvvisa si rovesciava anche l'imbarcazione su cui si trovava e cadendo nelle gelide acque, perdeva tragicamente la vita. Splendido esempio di grande coraggio e umana solidarietà spinti fino all'estremo sacrificio”.

Ritira la moglie Sig.ra Loredana Maria Ferro
Consegna il Sindaco di San Piero Patti Dr.ssa Ornella Trovato




Commenti