AUTOSTRADA A20 MESSINA-PALERMO: UN’AUTO GLI TRANCIA UN BRACCIO MENTRE CAMMINA A PIEDI VERSO MILAZZO

Un 31enne di Roma in vacanza in Sicilia è stato investito lungo l'autostrada A20 Messina-Palermo, all'altezza dello svincolo di Milazzo, da un pirata della strada che non si è fermato a prestargli soccorso dopo avergli tranciato un braccio

Messina, 14 agosto 2017 – L’uomo, privo del braccio sinistro, tranciatogli dall’auto investitrice, un romano in vacanza in Sicilia, è stato trasportato al Policlinico di Messina, dove i sanitari lo hanno sottoposto a un delicatissimo intervento chirurgico nel tentativo di attaccargli il braccio tranciato. La polizia stradale ha soccorso l’uomo mentre vagava in stato confusionale lungo l'autostrada A20 Messina-Palermo, all'altezza dello svincolo di Milazzo. Secondo quanto ricostruito dai poliziotti, l'uomo, di 23 anni, un romano in vacanza in Sicilia, si era addormentato sul pullman su cui era salito a Roma. Giunto nei pressi dello svincolo di Milazzo il 23enne si è reso conto di aver superato la fermata dove sarebbe dovuto scendere.

A quel punto avrebbe chiesto all'autista di potere scendere per proseguire a piedi e così sarebbe stato investito mentre camminava sulla corsia di emergenza. I poliziotti sono riusciti a recuperare l'arto tranciato. L'uomo è stato trasportato in ospedale dove i sanitari stanno cercando di attaccargli il braccio. La polizia sta indagando per trovare il pirata della strada.
_____________________
Identificato dalla Polizia Stradale il pirata della strada: nella foto l'auto pirata
Ieri mattina, gli agenti del Distaccamento della Polizia Stradale di Barcellona P.G. unitamente a Personale della Squadra Investigativa della Sezione Polizia Stradale di Messina, sono intervenuti sull’autostrada A/20 in località ricadente nel comune di Barcellona P.G. – direzione di marcia ME/PA – a seguito del gravissimo incidente che ha visto coinvolto un ventitreenne romano. La vittima dell’incidente riportava, tra l’altro, il distacco dell’avambraccio sinistro

Messina, 14/08/2017 – Alle ore 7.30 circa, un giovane di anni 23 residente a Roma, per circostanze ancora da chiarire, camminava appiedato sull’autostrada in corsia d’emergenza, ove veniva travolto violentemente da un’autovettura il cui conducente, probabilmente per un colpo di sonno, non si avvedeva del pedone e non si fermava a prestare il dovuto soccorso proseguendo la marcia. Nell’occorso la vittima dell’incidente riportava gravi lesioni, per le quali veniva ricoverato al reparto rianimazione del Policlinico di Messina in prognosi riservata riportando,tra l’altro, il distacco dell’avambraccio sinistro.

Sul luogo dell’incidente, i poliziotti della Polstrada hanno effettuato una minuziosa ricognizione della zona al fine di recuperare qualche indizio che potesse dare qualche ipotesi sulla dinamica del sinistro. Tale attenta e scrupolosa ricerca ha portato all’individuazione di un pezzo di carrozzeria, che ha consentito di poter risalire al modello ed al colore del veicolo investitore, una Fiat Punto di colore bianco.
Le successive intense indagini hanno consentito di individuare il mezzo che nel corso della fuga è stato immortalato dalle telecamere di sorveglianza del C.A.S.
Si è dunque risaliti al conducente, un giovane ventenne di Enna che stava recandosi in vacanza in un paese del litorale Pattese.
Le immediate ricerche intraprese dal personale della Polstrada di Barcellona e della Sezione di Messina in sinergia con altri Uffici di Polizia Stradale della Sezione di Enna e del Compartimento di Catania, al fine di rintracciare il mezzo ed il suo conducente, hanno dato esito positivo nella serata di ieri, in località Furnari, dove è stata rinvenuta l’autovettura presso un deposito di un’officina meccanica, dove era stata lasciata per essere riparata, e rintracciato ed identificato il pirata della strada resosi protagonista del grave incidente.
Il giovane ventenne è stato denunciato in stato di libertà e dovrà rispondere dei reati di lesioni gravi, omissione di soccorso e fuga, inoltre gli è stata ritirata la patente di guida e sequestrato il veicolo.

Commenti