"PARCHI ARCHEOLOGICI: NON SI INSEDIANO I NUOVI, MA SI PREGIUDICA LA VALLE DEI TEMPLI"

Fabio Granata, "Parchi Archeologici: non solo non si insediano i nuovi ma si pregiudica quello della Valle dei Templi"
Roma, 29 marzo 2017 - "Crocetta dopo aver privato il Comune di Agrigento del 30 per cento degli incassi sul Parco Archeologico della Valle dei Templi, così come previsto da norme da me volute, ha nominato un Consiglio di Amministrazione lontanissimo dallo "spirito del legislatore"e sottraendo al sindaco di Agrigento il diritto di voto, previsto dalla legge Granata. La nomina del Cda del Parco attesa da 7 anni, priva il Parco di un organismo delicato e autorevole, attento al territorio e alle competenze e agli interessi specifici e variegati dello stesso proprio in concomitanza di prestigiosi riconoscimenti al lavoro svolto tanti anni fa con la legge 20 e con la Convenzione da me sottoscritta con il Fai sui Giardini della Kolymbetra, leggi e atti amministrativi di assoluta avanguardia e applicate con successo proprio nella Valle dei Templi. Ha ragione il Sindaco: viene tradita la legge e lo spirito della stessa che prevedeva una concertazione permanente tra la Valle dei Templi e la Città, per il solito disegno di piccolo cabotaggio, togliendo autonomia al Parco e riducendolo di fatto ad uno dei tanti servizi dell'Assessorato regionale. Così in una nota Fabio Granata del movimento "Sarà Bellissima".



Commenti