REDDITO DI INCLUSIONE: GENTILONI FIRMA IL MEMORANDUM D’INTESA

Gentiloni firma il Memorandum d’intesa sul Reddito di inclusione
Roma, 14 Aprile 2017 - Si è svolta a Palazzo Chigi la cerimonia di firma del Memorandum d’intesa sul Reddito di inclusione, con il Presidente Gentiloni, l’Alleanza contro la povertà e il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti. Il Governo e l’Alleanza contro la povertà in Italia considerano l’approvazione da parte del Parlamento il 9 marzo u.s. della legge delega sul contrasto alla povertà un risultato fondamentale per il nostro paese, che per la prima volta si dota di uno strumento strutturale di contrasto alla povertà. Il Governo riconosce l’importante ruolo dell’Alleanza – vasto fronte di soggetti sociali impegnati nella lotta alla povertà – nell’avere fatto crescere in questi anni l’attenzione dell’opinione pubblica e la mobilitazione per l’adozione anche in Italia di una misura strutturale di contrasto alla povertà, tema cruciale per lo sviluppo di un sistema di welfare più equo.
In vista dell’attuazione della legge delega sulla base dei principi e dei criteri direttivi in essa definiti,
l’Alleanza ha avanzato alcune specifiche proposte per la sua realizzazione, coerenti con la propria
complessiva proposta di riforma (Reddito d’Inclusione Sociale - Reis). E’ stata quindi avviata presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali un’interlocuzione circostanziata sulle diverse scelte che il Governo dovrà compiere nell’istituire il Reddito di inclusione.
Il Ministero e l’Alleanza hanno concordato sugli aspetti di seguito specificati. Non sarà possibile nel
decreto attuativo definire i tempi della progressione graduale verso una misura pienamente universale, per necessità legate all’esigenza di reperire le adeguate coperture finanziarie. Ma il Governo e l’Alleanza concordano che non si fermi questo percorso di universalizzazione della misura da realizzarsi attraverso il Piano di contrasto alla povertà e che sin dai prossimi provvedimenti di bilancio debbano essere
assicurate le risorse che permettono in tempi ragionevoli la definizione dello stesso.
L’Alleanza, comunque, non ritiene esauriti gli elementi di confronto e continuerà a essere consultata dal Governo nelle successive fasi attuative, nonché nella definizione del Piano povertà. In particolare, i criteri di accesso e l’importo del sostegno qui indicati sono da considerare in sede di prima applicazione
e tengono conto delle risorse già stanziate. I limiti quantitativi sui quali si concorda potranno dunque
essere rivisti verso l’alto nel momento in cui verranno aumentate le risorse destinate alla misura, che a
regime dovrà essere universale ed economicamente adeguata.
2. I PUNTI D’INTESA RAGGIUNTI
2.1 Criteri per determinare l’accesso dei beneficiari
Nella definizione dei criteri di accesso, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali si impegna ad
affiancare alla soglia di accesso ISEE, una soglia di accesso legata al reddito disponibile. Per ragioni di
semplificazione e di organicità, appare opportuno adottare come reddito disponibile la parte reddituale
2
dell’ISEE (l’ISR), tenuto conto della scala di equivalenza. Tra l’altro, l’inclusione dei costi di locazione
nel calcolo dell’ISR, permette di tenere conto del principale onere per le famiglie in povertà nonché
delle sue differenze sul territorio, determinando un sostegno economico più adeguato per le famiglie in
affitto. D’altra parte la presenza di una doppia soglia permette di accedere al beneficio anche ad alcuni
proprietari di prima casa in povertà. Coloro che possiedono un patrimonio mobiliare il cui uso
permetterebbe di uscire dalla condizione di povertà vengono invece esclusi da un apposito vincolo sul
medesimo. Parimenti, si introducono condizioni limitative al possesso di beni immobili diversi dalla
prima casa.
Si ritiene che la soglia ISEE adeguata al di sotto della quale si può accedere alla misura non debba
essere inferiore a 6.000 euro, una soglia che si colloca ben al di sopra di quella usata per la misura
attualmente sperimentata (il SIA) ed in posizione intermedia rispetto a quelle usate nelle altre due
misure vigenti contro la povertà (Social Card ed Asdi). Con riguardo al reddito disponibile (ISR, tenuto
conto della scala di equivalenza) si ritiene invece che la soglia di riferimento non debba essere inferiore
ai 3.000 euro; un livello compatibile con: le risorse disponibili; la richiesta di coprire in un primo tempo
una buona parte dei destinatari prioritari; la necessità di fornire loro un sostegno adeguato.
Per tenere conto della necessità di misurazione della situazione economica più prossima possibile alla
situazione di bisogno, vanno facilitati in caso di variazione delle condizione lavorativa o del reddito
indicatori “attualizzati” di ISEE e di ISR, ottenuti attraverso un uso meno vincolato e più semplice
dell’ISEE corrente, in presenza di perdita di occupazione o riduzione del reddito.
2.2 I criteri per stabilire l’importo del beneficio
Per ragioni di equità, l’importo del sostegno monetario deve essere differenziato in base al reddito,
ovvero calcolato come differenza tra il reddito disponibile e la soglia di riferimento dell’ISR (tenuto
conto della scala di equivalenza). Tuttavia, anche allo scopo di evitare disincentivi alla ricerca di
un’occupazione adeguata per coloro che presentano un reddito al di sotto della soglia fissata, si ritiene
che la suddetta differenza possa non essere coperta per intero ma per una parte. In sede di prima
applicazione, comunque, si ritiene che la quota della differenza coperta non debba essere inferiore al
70%. L’importo da versare ai beneficiari va infine moltiplicato per la scala di equivalenza ISEE per
tenere conto dell’ampiezza del nucleo familiare, escluse specifiche maggiorazioni.
Si ritiene debba essere fissato un massimale dell’importo sulla base del livello delle misure di sostegno
alla povertà già esistenti. In sede di prima applicazione, tale massimale non deve essere inferiore
all’importo dell’assegno sociale mensilizzato.
Dall’importo così definito, viene comunque sottratto l’ammontare di eventuali altre prestazioni
assistenziali percepite dal nucleo, ad eccezione dell’indennità di accompagnamento e altre prestazioni di
analoga natura; restano pertanto escluse dal computo le prestazioni non sottoposte alla prova dei mezzi,
nonché prestazioni in natura (fruizione di servizi) o prestazioni economiche sostitutive degli stessi.
3
2.3 Meccanismi per evitare la trappola della povertà
Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali si impegna ad introdurre dei meccanismi per evitare che
si crei un disincentivo economico alla ricerca di occupazione, prevedendo di continuare almeno in parte
a concedere un sostegno economico ai beneficiari anche dopo un eventuale incremento di reddito che li
portasse al di sopra delle soglie di riferimento, con tempi e condizioni da definire tecnicamente nel
dettaglio.
2.4 Il finanziamento dei servizi per l’inclusione
Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali s’impegna ad introdurre nel Fondo per la lotta alla
povertà una specifica linea di finanziamento strutturale per i servizi d’inclusione sociale connessi al ReI,
in forma di quota vincolata da destinare ai territori. Mediante tale quota si finanzia la graduale
introduzione della componente servizi del livello essenziale ReI, componente riguardante le funzioni di
informazione, accesso, presa in carico e percorsi d’ inserimento sociale.
Il Governo s’impegna ad assicurare che la quota vincolata per i servizi d'inclusione sociale non scenda
mai al di sotto del 15% della dotazione del Fondo per la lotta alla povertà e all’esclusione sociale.
Complessivamente, inclusi interventi di carattere non strutturale, il Governo s’impegna ad assicurare
che gli stanziamenti destinati ai servizi d’inclusione sociale e di attivazione sociale non scendano mai al
di sotto del 25% della dotazione del Fondo per la lotta alla povertà e all’esclusione sociale.
Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l’Alleanza concordano nel ritenere la presenza di
qualificate figure professionali sociali nei servizi territoriali un elemento decisivo per il successo dei
percorsi d’inclusione. Auspicano, pertanto, che vengano realizzati gli sforzi necessari per mettere in
campo strumenti - anche derogatori della disciplina generale - affinché le risorse destinate ai servizi
possano effettivamente contribuire a rafforzare la presenza di tali figure, cercando di assicurare in
questo settore stabilità agli organici degli enti territoriali innanzitutto con riferimento alle professionalità
sociali.
2.5 Affiancamento ai territori e supporto tecnico
Nel decreto legislativo andrà prevista l’individuazione di una struttura nazionale permanente di
affiancamento delle amministrazioni territoriali competenti, nonché di supporto tecnico, ai fini della
piena ed uniforme attuazione del REI. Questa struttura deve essere dotata di risorse umane ed
economiche adeguate al fine di svolgere, in modo continuativo, un ampio pacchetto di attività per
fornire alle realtà impegnate nei territori strumenti finalizzati a metterle in condizione di operare al
meglio.
I compiti di tale struttura comprendono, tra l’altro: la realizzazione di attività di promozione e sostegno
all’implementazione del REI a livello locale; il supporto nello sviluppo delle competenze necessarie a tal
fine; la costituzione di una comunità di pratiche, per la condivisione e definizione di esperienze, metodi
e strumenti di lavoro; la diffusione di linee guida, di protocolli formativi e operativi; la realizzazione di
4
incontri informativi e di assistenza tecnica, di occasioni di confronto e condivisione dell’esperienza, in
primis rivolti a responsabili ed operatori, attraverso sia momenti in presenza sia modalità online;
interventi di tutoraggio alle realtà locali in difficoltà nella realizzazione del REI, in accordo con la
Regione interessata.
Nelle more della piena attivazione della struttura nell’arco dei prossimi 12 mesi, sono comunque
previste attività di affiancamento ai territori sin dall’allargamento del SIA programmato nel 2017.
2.6 Monitoraggio
Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, al fine di verificarne la piena ed uniforme attuazione
nell’intero territorio nazionale, si impegna a presentare un piano operativo per la realizzazione delle
attività di monitoraggio continuo del REI entro la fine del 2017 e comunque in tempo utile per
garantirne l’utilizzo in sede di riparto del Fondo povertà per la quota dedicata ai servizi. Il piano
definirà:
- le modalità operative per la raccolta dei dati e i soggetti coinvolti;
- gli indicatori quantitativi e qualitativi da utilizzare per la verifica dell’effettiva realizzazione del livello
essenziale REI, sia per la parte di sostegno al reddito che per quella di servizi alla persona. Per quanto
concerne quest’ultima componente, gli indicatori quantitativi riguardano tutte le sue diverse funzioni
(informazione, accesso ai servizi, presa in carico, percorsi d’inserimento sociale e lavorativo) e sono in
numero limitato e misurabili.
Sulla base degli esiti dell’attività di monitoraggio e delle esigenze che potranno emergere, gli indicatori
saranno eventualmente oggetto di revisione.
2.7 La forma di gestione del REI
Fatte salve le valutazioni dei competenti livelli territoriali di governo, il Ministero del Lavoro e delle
Politiche Sociali si impegna a prevedere la gestione associata del REI nel territorio di ogni ambito
sociale, come definito dalla rispettiva Regione. La definizione delle forme di gestione associata resta
comunque di competenza regionale.

0 commenti:

Posta un commento

NEBRODI E DINTORNI © Le cose e i fatti visti dai Nebrodi, oltre i Nebrodi. Blog, testata giornalistica registrata al tribunale il 12/3/1992.
La redazione si riserva il diritto di rivedere o bloccare completamente i commenti sul blog. I commenti pubblicati non riflettono le opinioni della testata ma solo le opinioni di chi ha scritto il commento.

“SICILIA ANNO ZERO. LA GESTIONE FONDI EUROPEI 2014-2020”

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 22 minuti fa
*Iniziativa Articolo Uno- Movimento Democratico Progressista. Domenica 9 aprile ore 17.30* Palermo 7 Aprile 2017 - “Sicilia Anno Zero. La gestione fondi europei 2014-2020”: è il tema dell’iniziativa organizzata da Articolo Uno- Movimento Democratico Progressista, in programma domenica 9 aprile alle 17.30 nella sede di MagnetiKowork,a Palermo in via Emerico Amari 148. “I fondi europei generano sempre tante domande: dove finiscono? Sono andati perduti? Abbiamo sprecato un'occasione? Quale futuro e quali fondi ci attendono da ora in poi? “: questi interrogativi, saranno al centro del co... altro »

CROCETTA: IN SICILIA VOTEREMO IL 5 NOVEMBRE E SI RICANDIDA A GOVERNATORE

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 25 minuti fa
*Elezioni regionali in Sicilia, si voterà il 5 novembre. Lo annuncia il presidente della regione Sicilia, Rosario Crocetta che ha annunciato la sua ricandidatura e il suo movimento "Riparte Sicilia".* *Crocetta - inoltre - dice di festeggiare oggi “una grande vittoria con il via libera a Roma della rete ospedaliera siciliana”. * 07/04/2017 - In Sicilia le Elezioni regionali si terranno il 5 novembre. Lo annuncia il presidente della regione Sicilia, Rosario Crocetta che ha annunciato pure la sua ricandidatura e il suo movimento "Riparte Sicilia". Crocetta dice di festeggiare oggi “un... altro »

INDUSTRIA 4.0 ANCHE AL SUD SI PUÒ FARE IMPRESA CON LA DIGITALIZZAZIONE

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 34 minuti fa
*Il governo ha predisposto una serie robusta di incentivi per facilitare un nuovo ciclo di investimenti da parte delle imprese e per rivitalizzare attraverso la digitalizzazione il settore manifatturiero.* 07/04/2017 - Sarà cruciale il ruolo delle grandi aziende italiane, tra cui quelle della cosiddetta “Silicon Valley” siciliana, a testimonianza che anche al sud del Paese si può fare impresa di successo e ci sono bravi imprenditori e manager. Lo ha detto il Presidente del Senato Pietro Grasso, nel suo intervento al convegno “Industria 4.0. Investimenti produttività ed innovazione... altro »

BUONA SCUOLA, RECLUTAMENTO E FORMAZIONE INIZIALE DEI DOCENTI

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 11 ore fa
Roma, 07/04/2017 - La Buona Scuola, in Cdm via libera definitivo ai decreti attuativi. I provvedimenti approvati oggi in Consiglio dei Ministri. Si tratta di decreti che danno il via libera definitivo del Consiglio dei Ministri sui decreti legislativi attuativi della Buona Scuola. Il Governo ha esercitato otto delle nove deleghe previste dalla legge di riforma approvata a luglio del 2015. La nona riguardava la revisione del Testo unico sulla scuola per la quale sarà previsto un disegno di legge delega specifico e successivo. *Reclutamento e formazione iniziale delle e dei docenti **n... altro »

BUONA SCUOLA, VIA LIBERA DEFINITIVO AI DECRETI ATTUATIVI

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 11 ore fa
*La Buona Scuola, in Cdm via libera definitivo ai decreti attuativi. Fedeli: “Testi approvati sono il frutto di un lungo lavoro di consultazione. Qualificano ulteriormente il sistema di Istruzione”* Roma, 7 aprile 2017 - “I provvedimenti approvati oggi in Consiglio dei Ministri sono il frutto di un lungo lavoro di consultazione in sede parlamentare, nelle commissioni competenti. C’è stato un ampio confronto che è servito a migliorare ed arricchire i testi. Si tratta di decreti che qualificano ulteriormente il sistema di Istruzione del nostro Paese”. Lo dichiara la Ministra Valeria ... altro »

GERMANA': "BAGHERIA NON È MEGLIO DI BROLO, INTERROGHIAMO LA REGIONE"

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 11 ore fa
*Nota del deputato regionale di Alternativa Popolare, Onorevole Nino Germanà, sulla recente interrogazione depositata dallo stesso in merito alla condizione in cui versa il comune di Bagheria. Germanà interroga la Regione sulla situazione finanziaria di Bagheria: "Col populismo si vince facile,governare è altra cosa"* 07/04/2017 - "I deputati cinque stelle invocano scioglimenti di consigli comunali senza preoccuparsi di verificare le condizioni esistenti e fingendo che situazioni di difficoltà interessino solo alcuni comuni e non anche quelli in cui sono loro ad amministrare", così,... altro »

CASTEL DI TUSA, UNA DISCARICA ABUSIVA VICINO LA “FIUMARA D'ARTE”

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 11 ore fa
Mistretta (Me), 07/04/2017 - I Carabinieri della Compagnia di Mistretta, coordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Patti, nel corso di sevizi volti alla prevenzione e repressione dei reati in materia ambientale, hanno fatto accesso presso i locali della ditta che, dal gennaio 2014 ad oggi, gestisce il servizio di raccolta rifiuti solidi urbani per conto del Comune di Tusa, BARBERA SERVIZI E LOGISTICA S.R.L.S.. L’ impresa, ubicata a Castel di Tusa, adiacente al greto del torrente Tusa, luogo meglio conosciuto per la presenza della fondazione “Fiumara d'arte” ch... altro »

AUTOSTRADE DELLA SICILIA: I MOTIVI DI UNA SPA ALLA GUIDA DELLA RETE

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 11 ore fa
*Dichiarazioni del Presidente del Consorzio Rosario Faraci sui i motivi di una Spa alla guida della rete autostradale della Sicilia * Messina, 6-4-2017 - Si tratta di una significativa scelta manageriale finalizzata alla creazione di una società unica mista CAS–Anas, sottoforma di spa, per gestire la rete autostradale esistente ed implementarla della parte ancora non realizzata, assicurando i livelli delle migliori autostrade europee, con una gestione efficiente e agile, che consenta interventi veloci, una spesa programmata, e l’immediata conseguenzialità tra decisioni ed attuazione... altro »

RACCOLTA DIFFERENZIATA: LA SICILIA LA PIÙ LONTANA DAI TARGET EUROPEI

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 3 giorni fa
*La raccolta differenziata nel 2015 ha superato l'obiettivo del 45% previsto dalla normativa nazionale per il 2008. Nella raccolta differenziata esiste ancora un forte divario tra Nord, Centro e Sud. Le performance migliori sono quelle della provincia autonoma di Trento e del Veneto, dove si supera il 65%, obiettivo previsto per il 2012. Con il 12,8% la Sicilia si conferma la più lontana dai target europei.* 14/04/2017 - “Noi Italia. 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo”, giunto alla nona edizione, mette in luce la posizione dell’Italia nel contesto europeo e le diffe... altro »

NOI ITALIA: LA DISEGUAGLIANZA È PIÙ ELEVATA IN SICILIA E PIÙ BASSA NEL NORD-EST

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 3 giorni fa
*Noi Italia. 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo Edizione 2017* 14/04/2017 - “Noi Italia. 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo”, giunto alla nona edizione, mette in luce la posizione dell’Italia nel contesto europeo e le differenze regionali che lo caratterizzano attraverso una selezione di indicatori statistici che spaziano dall’economia alla cultura, al mercato del lavoro, alle condizioni economiche delle famiglie, alla finanza pubblica, all’ambiente. Grazie agli strumenti di visualizzazione grafica pensati per facilitare la lettura dei fenomeni nel te... altro »

DISABILITA' SICILIA: NUOVO EMENDAMENTO AGGIUNTIVO DI 100 MILIONI, PORTA A 288 MILIONI DI EURO I FONDI 2017

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 3 giorni fa
*Crocetta: ”Per i disabili la Regione sta mettendo in campo tutto l'impegno e le risorse possibili”* *"Un nuovo emendamento del governo incrementa di ulteriori 100 milioni di euro il fondo unico per la disabilità. Con il nuovo emendamento del governo, il fondo unico regionale per la disabilità sarà, per il 2017, di ben 288 milioni". Lo dice in una nota il presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta.* Palermo, 13 apr. 2017 - "Saluto positivamente il fatto che i soggetti con disabilità scendano in piazza. E' una scelta democratica che fa uscire dall'ombra questi cittadini. So... altro »

DOTTORATI DI RICERCA, FEDELI FIRMA LE NUOVE LINEE GUIDA PER L’ACCREDITAMENTO

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 3 giorni fa
*Più scambi internazionali e attenzione alla qualificazione dei percorsi* Roma, 14 aprile 2017 - Maggiore semplificazione dei requisiti di accreditamento, accertamento più capillare della qualità delle attività di studio, attenzione alle dotazioni materiali – biblioteche, database, laboratori – a supporto della ricerca da svolgere, più spazio all’innovazione e all’internazionalizzazione. La Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Valeria Fedeli, ha firmato le nuove Linee guida per l’Accreditamento e la conseguente attivazione dei corsi di dottorato delle Universit... altro »

DI MAIO SUI RUMENI, SCILIPOTI: “RUMENI OFFESI DA RAPPRESENTANTE ISTITUZIONALE, ERRORE INQUALIFICABILE”

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 3 giorni fa
*"Gravissime le parole di Luigi Di Maio, leader dei 5 Stelle, parole che ledono l’onore e la dignità dei nostri fratelli rumeni, cittadini europei che vivono da anni in Italia, lavorando e pagando le tasse”. Lo dichiara il Senatore di Forza Italia Domenico Scilipoti Isgrò, che è intervenuto sulla vicenda dopo le parole d’offesa del Presidente Di Maio, il quale ha scritto sui social che il 40% dei rumeni sarebbe composto da criminali.* 14/04/2017 - “Un rappresentante delle istituzioni italiane non dovrebbe affermare certe frasi che rischiano di compromettere i rapporti tra i nostri ... altro »

PASQUA E STRADE: AUMENTA IL TRAFFICO SU TUTTA LA RETE ANAS

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 3 giorni fa
*Previsto un incremento di traffico su lunga e breve percorrenza su tutta la rete. Impegno di uomini e mezzi. Stop ai veicoli pesanti* Roma, 14 aprile 2017 - Al via le prime partenze, in occasione delle festività pasquali, sulla rete stradale e autostradale di oltre 26mila chilometri gestita da Anas. Per fronteggiare i maggiori flussi di traffico, a partire da domani, venerdì 14 aprile, e fino a martedì 18 aprile, è stato predisposto un piano di interventi coordinati lungo tutta la rete di competenza per l’assistenza agli automobilisti e per ridurre i disagi determinati dalla prese... altro »

MESSINA: "ANCHE CUZZOLA PROMETTE E NON MANTIENE"

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 3 giorni fa
*"Anche Cuzzola promette e non mantiene. Fortunato quel paese che non ha bisogno di assessori". Documento di CapitaleMessina a firma di Gianfranco Salmeri* Messina, 14 aprile 2017 - Tre aprile 2017: "Il nostro bilancio sarà pronto prima di Pasqua". Queste le dichiarazioni assertive dell'assessore al Bilancio della Giunta Accorinti Vincenzo Cuzzola. Parole che ci hanno rassicurato e confortato, soprattutto dopo il bluff di fine d'anno, quando l'Amministrazione Accorinti millantò l'approvazione del bilancio previsionale del comune di Messina "tra le prime città d'Italia". Poiché il ... altro »

TORRENTE MAZZARRA’, CONTINUA LO SVERSAMENTO DEL PERCOLATO

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 3 giorni fa
*A distanza di circa dieci giorni dallo sversamento di percolato della discarica di Mazzarrà Sant’Andrea, ancora nessun intervento risolutivo è stato ancora posto in essere.* Furnari, 14 Aprile 2017 - In questo momento, secondo la stima comunicata da TirrenoAmbiente spa alla Regione, vengono quotidianamente sversati nel Torrente Mazzarrà circa 55 metri cubi di percolato al giorno. Tutto questo avviene nonostante il tavolo tecnico convocato dalla Regione il 07 Aprile 2017 al quale ha partecipato di sua iniziativa anche il Sindaco di Furnari. In quella sede TirrenoAmbiente S.p.a. s... altro »

MISTRETTA: DAL 18 APRILE LA CHIUSURA DELLA SS 117 PER LAVORI DI METANIZZAZIONE

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 3 giorni fa
*Anas comunica che a partire da martedì 18 aprile e fino al 16 maggio la strada statale 117 “Centrale Sicula” sarà chiusa al traffico dal km 11,800 al km 17,300, a Mistretta (ME). Sicilia, Anas: al via i lavori di sostituzione delle barriere di sicurezza dello spartitraffico sull’autostrada A19 “Palermo-Catania” tra Villabate e Bagheria. Da martedì 18 aprile chiusura delle corsie di sorpasso nei tratti interessati* Palermo, 14 aprile 2017 - Il provvedimento è necessario per consentire i lavori di posa della condotta del gas all’interno del centro abitato. Il percorso alternativo è ... altro »

OPERE PUBBLICHE: CON IL DEF 2017 APPROVATI I FABBISOGNI INFRASTRUTTURALI AL 2030

Nebrodi e DintorniaNebrodi e Dintorni - 3 giorni fa
Roma, 13 aprile 2017 - Con il Def 2017 è stato approvato l’Allegato su proposta del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, dal titolo “Connettere l’Italia: fabbisogni e progetti infrastrutturali”, che individua i fabbisogni infrastrutturali al 2030. Applicando i criteri previsti dal Nuovo Codice dei Contratti pubblici si pone come il superamento sostanziale della Legge Obiettivo, non più leggi speciali, ma parametri certi per programmare e scegliere le opere. Al centro dell’azione di governo i fabbisogni dei cittadini e delle imprese, e le infrastrutture co... altro »